"Spia" norvegese rilasciata da Mosca: 'Ingannato' da 007 mio Paese

Fth

Roma, 19 nov. (askanews) - Il norvegese, rilasciato la scorsa settimana da Mosca in uno scambio di spie tra Lituania e la Russia, ha dichiarato oggi di sentirsi "ingannato" dai servizi di intelligence del suo paese.

"Sono stato condannato per spionaggio ma non sono una spia", ha detto Frode Berg in una conferenza stampa vicino a Oslo, come ha riportato l'agenzia France Presse. Berga ha quindi spiegato che nel 2014, su richiesta di un conoscente che, sapeva di essere collegato ai servizi norvegesi, ha accettato di effettuare una "consegna" a un indirizzo a Mosca. Altre quattro persone hanno seguito il suo esempio, secondo lui, a loro insaputa.(Segue)