**Spiagge: governo studia dl ponte e guarda a riforma concessioni balneari**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 29 apr. (Adnkronos) – Non c'è stata nessuna discussione sulle concessioni balneari nel Cdm di questa mattina, che si aggiornerà al pomeriggio di oggi. La norma non è mai stata contemplata nel dl proroghe approvato poche ore fa, perché il governo, riferiscono fonti di primo livello, sta in realtà pensando ad una norma ponte sulle spiagge. L'Italia, su questo, è in procedura d'infrazione dal dicembre 2020, sei mesi dopo che il governo Conte, con il dl rilancio, aveva prorogato le concessioni balneari fino al 2033.

Tanto che il Tar ha suonato la sveglia, ricordando ad alcuni Comuni che Bruxelles chiede all'Italia di recepire la direttiva Bolkestein: evitare di fare bandi per le concessioni con durata fino al 2023, la raccomandazione. Nel Pnrr, sul tema, non c'è una riga. In attesa di una riforma delle concessioni, spiegano fonti di governo, si sta pensando a una norma ponte, che faccia però espressamente riferimento a una riforma di sistema, che rimetta l'Italia sui binari giusti. La questione non è comunque all'ordine del giorno, assicurano le stesse fonti.