**Spionaggio: incognita segreto di Stato su analisi documenti sequestrati a Biot**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 2 apr. (Adnkronos) – Segreto di Stato e competenza ordinaria o militare: sono le incognite di natura tecnica che al momento riguardano l’indagine della Procura di Roma sull’ufficiale di Marina Walter Biot, arrestato per spionaggio. Sulla prima questione, in particolare, nella fase istruttoria gli inquirenti dovrebbero analizzare schede di memoria sequestrate a Biot che contengono documenti classificati, alcuni dei quali anche come ‘segretissimi’ e questo potrebbe comportare anche la possibilità che la Presidenza del Consiglio decida di apporre il segreto di Stato.

Per quanto riguarda la competenza militare o ordinaria invece, che può avere carattere concorrente o esclusivo, nei prossimi giorni i vertici delle due procure si incontreranno per fare il punto sulla vicenda.