Sport: Berruto (Pd), 'sia bene essenziale, colmare vulnus Costituzione'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 1 apr (Adnkronos) – "Lo sport è un bene essenziale nel nostro Paese e come tale deve essere considerato, gestito e tutelato. A partire dalla più grande agenzia educativa che è la scuola”. Lo ha detto ai microfoni di Radio Immagina il nuovo responsabile Sport del Partito democratico Mauro Berruto.

“Nella Costituzione italiana – spiega – non è menzionata la parola sport. Il motivo è comprensibile, dato che il fascismo ha utilizzato lo sport per la propria propaganda, ma la situazione dal 1946 ad oggi è cambiata. E questo vulnus deve essere colmato -ha aggiunto-. Stiamo parlando di un elemento decisivo della nostra vita quotidiana, che coinvolge direttamente 10 milioni di persone. Un mondo che non solo ha una sua dignità che deve essere riconosciuta, ma che genera una sua economia, dei suoi autonomi flussi turistici, migliaia di posti di lavoro”.

C’è un altro tema centrale, conclude Berruto, “che riguarda la tutela del servizio sanitario nazionale. L’attività motoria, la cultura dello sport e del movimento sono essenziali per evitare di andare a stressare un sistema già messo ampiamente sotto pressione negli ultimi anni e in particolare in questi mesi. Con la crescita dell’aspettativa di vita, crescerà ulteriormente la pressione e lo sport è la principale forma di alleggerimento sul sistema e di tutela della sua gratuità”.