Sport, Cambiaghi: riforma limita autonomia regioni, non va bene

Mch
·1 minuto per la lettura

Milano, 5 ago. (askanews) - La bozza del testo unico per lo sport, "ottenuta solo per vie ufficiose, non va bene perché limita di molto l'autonomia regionale in materia sportiva. Il ministro Vincenzo Spadafora vorrebbe approvare i decreti attuativi della legge per lo sport entro agosto, sta incontrando tutti tranne le Regioni". Lo ha scritto su Facebook l'assessore allo Sport di Regione Lombardia, Martina Cambiaghi. L'esponente della Lega sottolineato che "senza l'intesa in sede di Conferenza Stato-Regioni i decreti non possono essere approvati". Per Cambiaghi "oggi più che mai questa riforma è necessaria", ma "non si può prescindere dal coinvolgimento e dall'ascolto delle Regioni, che di fatto hanno competenze in materia di sostegno e promozione delle attività sportive di base, di gestione degli impianti sportivi e istruzione professionale". Secondo Cambiaghi, "l'intento è accentrare a livello governativo competenze e gestione delle risorse, questo per noi non è accettabile e va contro lo spirito della Legge delega, che era quello ridare centralità allo sport di base".