Sport e Salute: usati criteri oggettivi per contributi a organismi sportivi

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 22 dic. – (Adnkronos) – “Sport e Salute ha sempre adottato criteri oggettivi e non discrezionali nella distribuzione dei contributi agli Organismi Sportivi. Bisogna conoscere lo sport in tutti i suoi aspetti, promozione e alto livello, avere competenze e capacità per distribuire nell’arco di tre anni oltre 2 miliardi di risorse pubbliche a favore di Organismi sportivi, persone fisiche (collaboratori sportivi), SSD e ASD, contribuendo ad alleviare l’impatto di un evento straordinario come la pandemia. Peraltro lo sport italiano, grazie al supporto del Governo, avrà a disposizione ulteriori 80 milioni di euro per la promozione dello sport di base. Fondi di cui potranno beneficiare gli Organismi sportivi, a cominciare dalle Federazioni”. Lo afferma in una nota Sport e Salute S.p.A in relazione alle decisioni adottate ieri dal Cda sui contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli