Sport, le parole più cercate su Yahoo Italia nel 2015

Yahoo! Notizie

 

Anno d'oro per Flavia Pennetta, che ha conquistato la vittoria agli US Open 2015. È stata la seconda italiana di sempre (dopo Francesca Schiavone) ad essersi aggiudicata un torneo del Grande Slam, battendo la connazionale Roberta Vinci in una storica finale tutta italiana e diventando, all'età di 33 anni, la tennista più longeva nella storia del tennis mondiale ad aggiudicarsi per la prima volta in carriera uno Slam. Questo titolo le è valso molti primati, tra cui quello di aver accumulato più montepremi in assoluto durante gli anni, un guadagno complessivo di 14 milioni di dollari. Dopo la vittoria agli US Open, la tennista pugliese ha annunciato il suo ritiro.

 

 

Stagione straordinaria per il campione argentino che con il suo Barcellona, allenato da Luis Enrique, conquista il triplete, vincendo la Liga, la Champions e la Coppa del re. Lionel Messi è parte di quello che è forse il più forte tridente offensivo della storia, composto da lui, Luis Suárez, Neymar. Deludente come spesso gli capita l'esperienza con la nazionale argentina che non riesce a vincere la Coppa America cilena, nella quale trionfano i padroni di casa. L'annata è stata funestata anche da alcuni guai col fisco spagnolo: l'avvocatura di Stato ha chiesto che il calciatore venga condannato a 22 mesi e mezzo di carcere per l'evasione di 4,1 milioni di euro tra il 2007 e il 2009.

 

 

Il centravanti del Real Madrid disputa una delle sue migliori stagioni ma il real sotto la guida di Ancelotti, non riesce a ripetere l'exploit dell'anno precedente, quando aveva vinto la decima Champions League. La stagione 2014-2015 chiude a secco di trofei, ma con un bottino di goal molto alto, 48 nella liga (nella quale è il pichichi, capocannoniere) e 61 in totale.

 

 

Quinta in campionato dopo aver inseguito a lungo il terzo posto buono per qualificarsi in Champions League, sfumato all'ultima giornata per un rigore sbagliato da Higuain contro la Lazio. Arriva anche in semifinale di Europa League, dove viene eliminato dal Dnipro. Poco prima della fine della stagione, Rafa Benitez lascia la squadra per andare al Real Madrid. Sarà sostituito da Maurizio Sarri, che aveva ottenuto ottimi risultati col piccolo Empoli.

 

 

A 36 anni Valentino Rossi ha disputato una delle migliori stagioni della sua carriera dopo anni nell'ombra. In classifica conquista subito molto vantaggio dal rivale pur se compagno di squadra Jorge Lorenzo, ma gara dopo gara il divario si assottiglia. Nelle dispute decisive lo spagnolo Marc Marquez, ormai fuori dai giochi per il titolo, decide di aiutare il connazionale Lorenzo e ostacola furiosamente Valentino fino all'incidente di Sepang, nel quale Rossi manda fuori pista Marquez. Come penalità per il marchigiano c'è l'ultimo posto in griglia nella gara decisiva, l'ultima. Rossi riesce a rimontare solo a metà gara, consegnando la vittoria a Jorge Lorenzo, che arriva primo tra mille polemiche, vincendo il mondiale. Che la moto in fiamme durante i festeggiamenti sia un segno da non ignorare?

 

 

La stagione 2014-2015 dell'Inter è stata disastrosa, nonostante l'arrivo di Roberto Mancini in panchina. La dirigenza ha condotto una ricchissima campagna acquisti portando a casa Stevan Jovetić, Geoffrey Kondogbia, João Miranda de Souza Filho). Ora è prima in classifica di campionato, grazie al suo gioco definito noioso, ma tremendamente efficace. Al momento può vantare la miglior difesa del campionato.

 

 

La squadra della Lupa arriva seconda in classifica al termine della stagione 2014-2015, entrando in Champions League. Male invece nelle coppe europee: viene eliminata dall'Europa League dalla Fiorentina. La nuova stagione ha visto la dirigenza impegnata in una ricca campagna acquisti, tra cui spicca il bosniaco Edin Dzeko, preso dal Manchester City. Alcuni pensano che sia il centravanti che mancava alla Roma dai tempi di Batistuta. Ora è nel gruppo di testa in campionato.

 

 

Lewis Hamilton vince il mondiale guidando una Mercedes, segnato dalla sua forte rivalità con il compagno di squadra Nico Rosberg. Le Ferrari appaiono mai davvero competitive in pista, ma con una macchina inferiore, il ferrarista Sebastian Vettel ha ottenuto molti punti, conquistando il cuore dei tifosi. Una nota di colore la danno Fernando Alonso e Paola Saluzzi: l'addio alla Ferrari non viene accolto molto bene dai fan e via Twitter arriva l'insulto della giornalista e anchorwoman di Sky, nonché tifosissima della Rossa. La Saluzzi insulta Alonso così: "Gli è tornata la memoria e si è ricordato di quanto sia #arrogante #invidioso #pezzodiimbecille”. La risposta di Fernando non si fa attendere: a Shanghai si rifiuta di parlare coi giornalisti di Sky. La Saluzzi viene sospesa dalla redazione e poi reintegrata.

 

YIR - Milan

 

Anno nero per l'AC Milan. Per la stagione 2014-2015 la panchina viene affidata a Filippo Inzaghi, ex calciatore rossonero che ha provato il suo valore sia con gli Allievi Nazionali sia con la Primavera del Milan. La squadra milanese, per la prima volta nell'arco di 16 anni, non partecipa a nessuna competizione europea, dopo l'ottavo posto della stagione precedente, mentre è in corsa per il titolo di campione d'Italia per l'ottantunesima volta nella sua storia. Dopo una stagione tutto sommato regolare, il Milan affronta un grave periodo di crisi in cui raccoglie un solo punto in quattro partite. L'inizio del 2015 vede la squadra eliminata dalla Coppa Italia. Finiscono il campionato al decimo posto della classifica di Serie A, restando per il secondo anno consecutivo fuori dalle competizioni europee. Alla fine della stagione Inzaghi viene esonerato e al suo posto subentra Siniša Mihajlović, ingaggiato dopo un'ottima stagione alla Sampdoria.

 

 

L'anno sportivo della Juventus comincia con l'ingresso in panchina di Massimiliano Allegri, accolto fra mille perplessità. Tuttavia l'ex allenatore del Milan ha portato la Vecchia Signora alla conquista nel 2015 del quarto scudetto consecutivo, stabilendo anche un primato personale: Allegri è infatti il primo allenatore nella storia della Serie A a conquistare il tricolore al debutto con due diverse squadre. Dopo un avvio di stagione in salita, la Juventus gioca splendidamente i suoi ritorni in prima divisione, conquistando lo scudetto il 2 maggio 2015. Nonostante il titolo di Serie A, la Juve è anche impegnata in Champions League, dove arriva in finale ma non riesce a sollevare la coppa, sconfitta dal Barcellona per 1-3. Ma la stagione si chiude con la decima vittoria nella storia della Madama della Coppa Italia.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità