Sport: Lembo (US Acli), 'promozione sia tra tutti i soggetti in campo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 18 mag. – (Adnkronos) – “In Italia ci sono circa 120 mila Asd e Ssd dilettantistiche, almeno 95mila di queste afferiscono agli Enti di promozione sportiva, con oltre 7 milioni di tesserati e il 60% dell’attività sportiva. Con il percorso che da più di un anno si sta seguendo con Sport e Salute e le politiche pubbliche, ci auguriamo che questa richiesta naturale di sport amatoriali e socialità trovi sempre più un adeguato rapporto di connessione con tutti i soggetti in campo”. Così il presidente dell’Unione Sportiva Acli e coordinatore degli Enti di promozione sportiva presso il Coni, Damiano Lembo, nel suo intervento al seminario ‘Lo sport durante e oltre la pandemia’, organizzato dalla Scuola dello Sport e Greenaccord.

“Il boom degli sport amatoriali è una naturale risposta al bisogno di socialità. La funzione sociale dello sport ormai è da tutti riconosciuta e conclamata fin dall’emergenza sanitaria iniziata lo scorso anno. Ora siamo sul tema delle riaperture e sembra che ci siamo quasi, ma aver privato le persone di poter fare sport durante il primo lockdown ha posto in evidenza l’importanza dell’attività sportiva in funzione sociale, come risposta al bisogno di socialità”, aggiunge Lembo.