Sport: si chiude il 2021, l'anno della ripartenza sportiva

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 21 dic. – (Adnkronos) – Si chiude un anno che ha visto il ritorno di gare e manifestazioni sportive delle discipline endurance: dal ciclismo alla mountain bike, dalla corsa al trail running, passando per il triathlon, tutti sport che hanno mostrato buona salute, come rilevato da Endu. La digital company è stata partner con i propri servizi di oltre 1.300 eventi nazionali (erano 464 l'anno scorso) con una impennata di finisher del 105%.

Mancano pochi giorni alla chiusura dell'anno e anche il mondo degli eventi sportivi di discipline di outdoor e di “resistenza” traccia un primo bilancio, e lo propone Endu, Hub di riferimento con i propri servizi di piattaforma, media ed experience del mondo endurance. Dal ciclismo al podismo (per entrambe le interpretazioni su strada e off-road), dal triathlon agli sport invernali, la società di Parma fotografa, con numeri alla mano, la situazione dello sport amatoriale in Italia, forte della sua posizione di riferimento con la gestione del 50% degli eventi nel Bel Paese.

Non vi è dubbio che il “virus” abbia fortemente influenzato l'organizzazione e la pratica agonistica in modo trasversale su tutte le discipline, ma nel corso del 2021 il ritorno a indossare un pettorale è stato generale in tutte le discipline: dalle 464 manifestazioni organizzate lo scorso anno si è passati a oltre 1.300 eventi agonistici in questo 2021. Oltre il doppio di gare è un segnale forte per il movimento! A questa analisi va aggiunta la partecipazione degli atleti che è passata da 177.000 lo scorso anno a 280.000 in questo anno, pari a un incremento del 58%.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli