Sposa una mucca convinta che sia il marito reincarnato: la storia di Khim Hang

·2 minuto per la lettura
Cambogia
Cambogia

In Cambogia, una donna di 74 anni ha sposato una mucca, nella convinzione che il mammifero sia la reincarnazione del marito morto.

Cambogia, donna sposa una mucca convinta che sia la reincarnazione del marito morto

La singolare vicenda ha come protagonista Khim Hang, una vedova di 74 anni che risiede nella provincia nordorientale di Kratie, in Cambogia. La donna ha deciso di sposare una mucca nella convinzione che l’esemplare sia lareincarnazione del marito morto.

In relazione al matrimonio, la 74enne ha spiegato di essere stata baciata dalla mucca nello stesso modo in cui la baciava il coniuge defunto. Per questo motivo, Khim Hang ha scelto di celebrare le nozze.

Cambogia, donna sposa una mucca: “Mi ha baciata come faceva mio marito”

Secondo quanto riferito dal Sun, Khim Hang è fermamente convinta che la mucca sia la reincarnazione del marito e di essersi ricongiunta con l’uomo, unendosi in matrimonio con il ruminante.

Dopo aver espletato il rito, la 74enne ha portato l’animale con sé presso la sua abitazione, gli ha preparato un letto e se ne prende cura proprio come faceva con il marito.

In merito alla sua storia, la donna ha raccontato: “Credo che la mucca sia mio marito perché qualunque cosa faccia… è esattamente come faceva mio marito quando era vivo”.

Cambogia, donna sposa una mucca: le raccomandazioni ai figli

La tesi sostenuta da Khim Hang è stata appoggiata anche dal figlio della coppia che ha spigato di avvertire lo spirito e la presenza del padre quando si trova accanto alla mucca.

Per quanto riguarda l’esemplare, infine, la 74enne ha tassativamente proibito ai suoi figli di maltrattare o vendere l’animale dopo la sua morte e di continuare ad accudirlo come fosse il padre defunto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli