Springsteen attacca Trump: "Non sa cosa sia essere americani"

Ha definito questa epoca "spaventosa" a causa di Donald Trump, il quale non saprebbe "neanche cosa significhi davvero" essere americani. Bruce Springsteen, in un'intervista alla Cbs, ha attaccato frontalmente il presidente degli Stati Uniti.

La leggenda della musica era stata chiamata in causa proprio dal presidente, in un comizio a Minneapolis, all'inizio di ottobre. Trump aveva detto ai suoi elettori di non aver bisogno del sostegno del "piccolo Springsteen" e di altre celebrità come Beyonce' e Jay Z, che avevano appoggiato Hillary Clinton alle presidenziali del 2016.

"Sei sorpreso - ha chiesto a Springsteen il conduttore del programma - che Trump ancora pensi a te dopo tre anni?". "No, non mi sorprende niente - ha risposto Bruce - io so che molte persone sono preoccupate dalla direzione che ha intrapreso il Paese". "E' spaventoso - ha aggiunto - la guida è stata affidata a uno che non ha la minima idea di cosa significhi. Noi abbiamo qualcuno che, sfortunatamente, sento che non abbia compreso il senso profondo di cosa voglia dire essere americani".