Spunta striscione contro Liliana Segre davanti al teatro che la ospita

liliana segre striscione

“Sala ordina: l’antifà agisce. Il popolo subisce”. Questo è lo striscione che hanno scoperto gli usceri del Municipio 6 a Milano dove è attesa in giornata Liliana Segre. Presso il teatro, infatti, la senatrice sopravvissuta ad Auschwitz e testimone della Shoah terrà una conferenza insieme a don Gino Rigoldi, il presidente di Comunità Nuova e cappellano del carcere minorile Beccaria. Tra il pubblico, invece, sono attesi molti studenti e giovani per non dimenticare il passato. Ad appendere lo striscione sarebbe stato l’organizzazione di Forza Nuova.

Striscione contro Liliana Segre

Il primo a segnalare lo striscione contro la senatrice Liliana Segre è stato il presidente del Pd Santo Minniti, che governa le zone comprese tra Barona, Giambellino e Lorenteggio. “Per noi la cosa importante è l’iniziativa sull’universalità dei diritti e l’importanza di fare memoria, evento che si tiene oggi (martedì 5 novembre ndr.) al teatro di via Fezzan, con 500 studenti del Vittorini, del Marconi e dell’Enaip” ha detto Minniti. Secondo il presidente, inoltre, Forza Nuova ha appeso lo striscione “di notte sulla cancellata del nido di fianco al teatro, ma l’abbiamo tolto subito”. Nel suo post pubblicato sui social, infine, ha ironizzato: “Secondo voi lo striscione va nell’umido?”.

Anche Roberto Cenati, il presidente dell’Anpi milanese, ha rilanciato la segnalazione scrivendo sui social: “Vergognosa provocazione neofascista in Zona 6. Questa mattina è comparso un vergognoso striscione neofascista nella zona 6 di Milano, proprio nella giornata in cui il Municipio ha organizzato un importante incontro delle scuole con la senatrice Liliana Segre”. Poi si scusa personalmente con la senatrice: “Esprimiamo la nostra solidarietà a Liliana Segre, instancabile testimone della Shoah e delle nefandezze del nazifascismo, per i vergognosi insulti antisemiti che quotidianamente le vengono rivolti”.