Sputnik V, il vaccino alla conquista del mondo snobbato dai russi

Red
·5 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 13 apr. (askanews) - Lo Sputnik-V, il primo dei vaccini anti-Covid sviluppato dalla Russia, fa discutere, agita gli animi in giro per il mondo, desta sospetti, anche speranze. Grande agitazione, accompagnata dalla domanda da un milione di dollari: se è un vaccino così efficace come dice non solo Vladimir Putin ma anche il mondo scientifico, perchè i russi non si affrettano ad utilizzarlo? Risposta univoca non c'è, ma le possibili - e plausibili - ragioni sono tante. Messe tutte in fila, aiutano a capire perchè la Federazione russa, in offensiva globale sul fronte della guerra dei vaccini, sul fronte interno va a rilento, a dir poco.

A dicembre 2020 le autorità moscovite hanno annunciato una "vaccinazione di massa" contro il nuovo coronavirus, con l'obiettivo di immunizzare il 60% della popolazione russa entro luglio 2021, ovvero 65 milioni di persone. Nei primi tre mesi, sottolinea un'approfondita inchiesta di MediaProekt, sono stati vaccinati però solo 5 milioni di russi. Gli ultimi conteggi parlano di almeno una dose somministrata a 14 milioni di persone, ovvero il 6% della popolazione. Sempre secondo MediaProekt, si procede al ritmo 110-120mila vaccinazioni al giorno: con questi tempi, serviranno oltre 8 mesi per immunizzare almeno un terzo della popolazione adulta. C'è un doppio problema di deficit, sia di domanda che di offerta.

MOLTE PROMESSE, POCA OFFERTA

Lo Sputnik V è stato approvato ad oggi da 60 Paesi e le richieste dall'estero superano di gran lunga la disponibilità. A marzo erano state esportate poco più di 4 milioni di dosi. Paesi in lista di attesa come il Pakistan hanno ricevuto qualcosa come 150mila fiale in tutto e ne hanno prenotate a milioni.

Come ha spiegato Report nel suo servizio sullo Sputnik, i russi vogliono vendere la tecnologia per la produzione più che il vaccino già confezionato, cosa che implicherebbe capacità produttive non esistenti in Russia. La competizione tra produttori di vaccini è sfociata in una vera e propria guerra geopolitica, oltre che commerciale, giocata da chi può dare i vaccini e decide a chi vuol darli. Mosca, in cerca di alleati oltre che di fonti di guadagno, vuole darli a quanti più Paesi possibile e promette evidentemente più di quanto può realizzare in tempi brevissimi. La produzione all'estero può essere la soluzione, per questo gli 'agenti' russi vanno a proporsi direttamente a potenziali centri di produzione (come avvenuto nel caso dell'italo-svizzera Adienne) e al contempo dal ministro degli Esteri Sergej Lavrov in giù, il vaccino entra in tutti i colloqui ufficiali con partner internazionali.

La volontà di fare affari - commerciali e diplomatici - all'estero è uno dei motivi che fa sospettare una scarsa motivazione di accelerare con le vaccinazioni in Russia, anche se ufficialmente il mercato interno è dichiarato prioritario.

SCARSA DOMANDA INTERNA: PERCHE'

Allo stesso tempo, i russi si mostrano restii. Per diverse ragioni. Secondo il Centro Levada, istituto demoscopico indipendente, la percentuale di russi che vuole farsi vaccinare è bassa ed è calata sensibilmente tra dicembre e febbraio: dal 38% al 30%. I giovani sono meno intenzionati a chiedere l'immunizzzione, mentre oltre i 55 anni si sale al 40% di favorevoli (e 49% contrari).

La prima ragione citata è il timore di effetti collaterali (37%), segue l'insofferenza per i tempi lunghi del processo di immunizzazione (23%) e per il 16% non c'è proprio ragione di vaccinarsi. Sempre secondo i sondaggi, il 56% dei russi non teme di contrarre il Covid. Oltre il 61% pensa che il virus sia un'arma biologica sfuggita da un laboratorio. Ma c'è anche un'alta percentuale di negazionisti: secondo altri rilevamenti, quasi due russi su 10 pensano che la pandemia sia in un modo o nell'altro "un'invenzione".

Altro fattore che contribuisce alla poca motivazione dei russi è che le misure di lockdown in Russia, pur diverse a seconda delle regioni, sono comunque state meno dure e più brevi: la gente non sente così chiaramente come in Occidente che solo vaccinandoti puoi tornare ad una vita normale.

IL VACCINO E LO ZAR

C'è poi da aggiungere che i russi da sempre diffidano di quanto viene proposto dal potere. Il loro amore per i complotti e gli scenari deriva anche dalla poca trasparenza da sempre prassi ai vertici e dalla poca considerazione che lo zar di turno ha per le vite e il benessere del popolo.

Vladimir Putin non avrà i tassi di popolarità del dopo-Crimea, ma resta comunque molto popolare tra i russi. Eppure non ha spinto affatto per convincere i suoi concittadini a farsi vaccinare e ha sempre sottolineato che si treatta di un "atto volontario", lasciando pensare, tra le molte altre cose, un timore di scarso seguito. Lui stesso si è deciso a porgere il braccio per l'immunizzazione dopo aver tergiversato parecchio, prima motivando con la fascia d'età, poi con la concomitanza del vaccino anti-influenzale. Il presidente russo ha certamente preso tempo e solo il 23 marzo ha ricevuto la prima dose del vaccino, tra l'altro con sorprendente discrezione per un leader molto attento alla sua immagine e i messaggi inviati tramite i media. Non solo non si è fatto riprendere durante l'inoculazione, ma non ha svelato quale dei tre vaccini russi gli è stato somministrato. Si sarà vaccinato davvero? Commentano in molti a Mosca e dintorni. Certamente non è parso intenzionato a spronare i russi a farlo. (di Orietta Moscatelli)