Square nella corsa alla finanza DeFi

·2 minuto per la lettura

Il CEO di Square Jack Dorsey ha dichiarato su Twitter che Square è “concentrata sulla costruzione di una piattaforma per sviluppatori aperta con l'unico obiettivo di semplificare la creazione di servizi finanziari non custodial, senza autorizzazione e decentralizzati". Le applicazioni di finanza decentralizzata, o DeFi, sono quelle che non si appoggiano su autorità centralizzate come le banche, ma utilizzano invece contratti smart basati su blockchain, prevalentemente Ethereum, per eseguire le transazioni. Dorsey ha spiegato che il team è impegnato a costruire la struttura in un modo trasparente che include una "tabella di marcia aperta, oltre che uno sviluppo aperto e open source". Le attività saranno poste sotto la guida di Mike Brock, già responsabile delle iniziative strategiche di Cash App. Sempre Dorsey, ha spiegato, successivamente che: “La tecnologia è sempre stata una storia di decentralizzazione. Dalla stampa, a Internet, al bitcoin, la tecnologia ha il potere di distribuire il potere alle masse e liberare il potenziale umano per il bene, e sono convinto che questo sia il prossimo passo”.

Le applicazioni DeFi consentono transazioni finanziarie più facilmente accessibili, efficienti e relativamente a basso costo. Questo tipo di piattaforme funzionano in modo simile alle banche tradizionali e alle società di servizi finanziari ma offrono rendimenti significativamente più elevati rispetto ai prodotti finanziari tradizionali. Ma, proprio come le criptovalute in generale, la DeFi presenta a volte un esposizione più pronunciata al rischio per quanto riguarda l'incertezza della regolamentazione, la volatilità degli asset e la tecnologia stessa. Visto che non ci sono banche o altre società terze parti che facilitano le transazioni, non esiste di fatto una forma di assicurazione sui fondi attraverso i quali le operazioni vengono svolte. L'attuale valore stimato dei fondi bloccati in contratti relativi a tecnologie DeFi ammonta, comunque, a oggi secondo DeFi Pulse, a 55,21 miliardi di dollari.

In questa stessa direzione, la blockchain di Harmony ha da poco aperto le registrazioni per un hackathon, che prenderà avvio il prossimo mese, con oltre 1 milione di dollari di finanziamenti e di premi per i partecipanti. Sempre su Twitter, Harmony ha affermato che l'hackathon sarà rivolto a creare una sorta di ponte tra la finanza tradizionale e la finanza decentralizzata attraverso sfide sulle categorie social wallet e sicurezza keyless, soluzioni trustless cross-chain e transazioni transfrontaliere con integrazioni fintech: “Vogliamo spingere sempre più attori della finanza tradizionale a contribuire alla DeFi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli