Sta girando questa notizia falsa sull'origine dei tumori

Un medico ricercatore (archivio Getty)

Certe bufale sono dure a morire. Quelle sui tumori sono pure pericolose, perché portano molte persone a confondere la verità e la menzogna. Un circolo vizioso che si sviluppa online attraverso le condivisioni e la sfiducia verso le istituzioni.

In particolare c’è un articolo che viene ciclicamente condiviso riguardo alle cause del tumore e alla scoperta del premio Nobel per la Medicina 1931, il tedesco Otto Heinrich Warburg. L’articolo si intitola “Svolta TUMORE, So di cosa si nutre, non mangiate mai questi cibi…” ma ci sono anche varianti simili nella sintassi.

Ma andiamo con ordine: dal 1931 al 1953 Warburg fu direttore del Kaiser Wilhelm Institute (ora Max Planck Institute) per la fisiologia cellulare in quel di Berlino. Studiò il metabolismo dei tumori, come la loro respirazione cellulare e scoprì il meccanismo di azione del cosiddetto enzima giallo. Così facendo vinse nel 1931 il Premio Nobel per la medicina. Nel 1966 scrisse il libro “La prima causa e la prevenzione del cancro” che presentò il 30 giugno 1966. Scrisse in particolare, come aveva notato nei suoi studi, che i tessuti cancerosi avevano un pH basso, causato dall’acido lattico prodotto durante la fermentazione, e ipotizzò fosse la causa della carcinogenesi stessa.

Grazie al progresso scientifico, la tesi di Warburg fu in seguito superata da quella di Alfred George Knudson, che ipotizzò che la causa del cancro fosse l’accumulo di mutazioni del DNA cellulare. Questa è la teoria meglio accreditata per spiegare le cause della terribile malattia. All’epoca Warburg, in ogni caso, non aveva gli strumenti necessari per arrivare a un tale livello di precisione.

La bufala sul tumore, uno screenshot

La notizia riportata in questi giorni, ma in giro già almeno dal 2012, ha quindi una base solo parzialmente veritiera. Vero che Warburg fece determinati studi, ma la scienza li ha poi ritenuti superati. Poi, ovviamente, ci sono altri campanelli d’allarme. Come il titolo, ad esempio, che è un virgolettato: Warburg è morto nel 1970 e dubitiamo che abbiamo prestato la sua voce recentemente.

I lettori vengono poi portati alla conclusione che per evitare il cancro non bisogna mai mangiare alimenti acidificanti, che è un errore statistico e tecnico madornale. Come si riporta sul sito Bufale.Net, ecco la spiegazione: “Si possono davvero avere benefici anticancro mangiando cibi che al di fuori dell’organismo tendono a essere basici, come alcuni tipi di frutta e alcuni legumi? A tale scopo, la risposta è no. Qualunque cibo viene infatti rapidamente in contatto con i succhi gastrici presenti nello stomaco, che sono molto acidi. Questi neutralizzano la sua alcalinità, rendendo l’alimento neutro o addirittura acidifico prima ancora di essere assimilato. Se anche esistesse un cibo capace di mantenere la sua alcalinità, dopo aver attraversato lo stomaco, e quindi capace di alterare il pH del sangue e dei tessuti, l’organismo lo riporterebbe immediatamente ai valori di normalità, attorno a 7,4. In caso contrario, l’organismo si troverebbe in pochi minuti in uno stato di alcalosi metabolica, e sarebbe necessario l’intervento urgente di un’équipe medica per evitare la morte“.

 

Guarda anche: Follie in India per la cura dei tumoriSport, i benefici contro i tumori

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità