**Stadio Roma: Berdini, ‘dopo parole Totti mia posizione non più sostenibile per Campidoglio'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 12 apr. (Adnkronos) – “Dopo le parole di Francesco Totti sullo stadio (‘famo sto’ stadio, vogliamo il nostro Colosseo moderno’ ndr) ho ricevuto una telefonata del vicesindaco Luca Bergamo che mi diceva che la mia posizione contraria non era piu’ sostenibile dal punto di vista politico. Mi trovo cosi’ fuori linea”. A dirlo Paolo Berdini, ex assessore capitolino con delega all’urbanistica e lavori pubblici dal luglio 2016 a febbraio 2017, sentito come testimone nel processo sugli illeciti legati al progetto dell’impianto a Tor di Valle.

“Conobbi il gruppo consiliare M5S quando era all’opposizione con Ignazio Marino sindaco e mi dissero che avrebbero portato la questione dello stadio in procura. Furono loro a cercarmi, mi chiedevano da urbanista un parere sulla delibera e io dissi che la zona Tor di Valle era inadeguata e pericolosa. Venni chiamato con un incarico, bocciare il progetto del nuovo stadio della Roma. Per me quella zona – ha detto – era inadeguata e pericolosa. Una posizione condivisa in Campidoglio dai Cinque Stelle fino a gennaio 2017 quando arriva l’avvocato Luca Lanzalone”.