Stalking e botte a coetanea, arrestato gruppo 15enni

·1 minuto per la lettura

Un gruppo di adolescenti è stato arrestato dai carabinieri per stalking nei confronti di una coetanea. I militari del comando provinciale di Brescia, sin dalle prime ore del mattino, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale per i minorenni di Brescia, su richiesta della Procura per i minorenni, nei confronti di alcune ragazze – poco più che quindicenni – indagate a vario titolo per i reati di percosse, lesioni e atti persecutori ai danni di una coetanea.

Sono sette le giovani ragazze coinvolte nelle indagini della Procura di Brescia, ma solo a quattro è stato possibile applicare una misura cautelare perché tre non sono imputabili in quanto di età minore ai 14 anni. Tutto è partito da un'indagine dei carabinieri di Gussago, che hanno identificato le sette, responsabili di una brutale e violenta aggressione ad aprile scorso nei pressi del Parco San Polo di Brescia nei confronti della vittima.

La ragazzina picchiata era finita nel mirino del gruppo per aver frequentato l'ex fidanzato di una delle quindicenni e da tempo era destinataria, soprattutto sui social, di minacce e molestie da parte delle sette. Il tutto veniva spesso ripreso e pubblicato sui profili Instagram dalle ragazzine della banda, che inviavano i video su whatsapp a gruppi di amici.

Una delle responsabili delle aggressioni è stata affidata a una comunità mentre le altre tre sono state condotte nelle proprie case e affidate ai genitori con prescrizione di divieto di uscire di casa se non per contatti con l’ufficio dei servizi sociali minorili e la frequenza scolastica.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli