Stalking, finge di partorire per tornare con l'ex

(Adnkronos) - Era arrivata a fingere una gravidanza, in più occasioni, e poi il parto per cercare di riallacciare i rapporti con l’ex, tempestandolo anche di sms, chiamate, molestie di ogni genere. Ora per la donna la Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per l’accusa di stalking aggravato nei confronti dell’uomo con cui aveva avuto una relazione che, pur di sfuggire alle attenzioni morbose, è finito a cambiare la sua residenza e a indossare un casco nel tragitto che dall’auto lo portava al portone di casa. La donna, una trentenne, oltre a molestarlo con chiamate anche anonime, secondo quanto riportato nell’imputazione per fatti che vanno dal 2018 al 2019, aveva anche simulato malori per attirare l’attenzione dell’ex "inducendolo ad allontanarsi dal posto di lavoro per accorrere in suo soccorso" e si era appostata nei luoghi frequentati dall’ex. In un’occasione si sarebbe anche aggrappata allo sportello della macchina e allo specchietto per fermare l’auto dell’uomo".

Una situazione che ha generato nella vittima "un grave e perdurante stato d’ansia - scriveva il pm nel 415bis - e di fondato timore per la propria incolumità tale da indurlo a modificare le proprie abitudini di vita, diradando anche le uscite e prendendo precauzioni per evitare incontri indesiderati con la donna". Motivi che hanno indotto la vittima, assistita dall’avvocato Emanuele Fierimonte, a presentare querela sulle continue persecuzioni. Una denuncia che, dopo la notifica del 415bis, ha portato alla richiesta di processo da parte della procura di Roma sulla quale è attesa per ottobre la decisione del gup.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli