Stalking: funzionari Polizia a 'lezione' su strumenti intervento

(ASCA) - Roma, 30 mag - ''L'ambiente di ascolto e'

fondamentale per capire e mettere a loro agio le vittime. E'

importante coniugare gli studi comportamentali e psicologici

con l'esperienza su strada per cercare di dare sempre la

miglior risposta al cittadino, anche nell'ottica della

percezione''. Con queste parole il Questore di Roma Francesco

Tagliente e' intervenuto ieri in apertura dei lavori del

Seminario di Aggiornamento Professionale per i Funzionari

della Polizia di Stato sul tema ''Il reato di Stalking e i

poteri del Questore''.

All'incontro, che si e' tenuto ieri mattina nell'ambito

dei cicli di aggiornamento riservati ai funzionari della

Questura di Roma, presso la Sala Conferenze di via San

Vitale, ed organizzato dall'Ufficio del personale guidato da

Stefania Strada, hanno partecipato Andrea R. Castaldo,

ordinario di diritto penale presso la facolta' di

Giurisprudenza dell'Universita' di Salerno; Floriana Loggia,

psicologa e psicoterapeuta, CTU presso i Tribunali di Roma e

Tivoli; Eugenio Albamonte, Sostituto Procuratore della

Repubblica presso il Tribunale di Roma; Bruno Iannolo,

magistrato presso la V Sezione Penale del Tribunale di Roma;

Giovanni Neri, Full Professor of Criminology presso la Miami

International University (Usa); Marco Naddeo, docente di

diritto penale della scuola di specializzazione per le

professioni legali presso l'Universita' di Salerno; il dr.

Attilio Nisco ricercatore in diritto e processo penale presso

la facolta' di Giurisprudenza dell'Universita' di Bologna.

Proseguendo nell'intervento, il Questore ha sottolineato

''l'importanza della norma sullo stalking, offrendo agli

addetti ai lavori strumenti specifici per intervenire. Anche

in un'ottica preventiva con la misura dell'ammonimento''.

Il Questore ha poi sottolineato l'importanza di

un'indagine conoscitiva sugli effetti ''rieducativi''

dell'ammonimento, in analogia a quanto gia' fatto per i

Daspo.

In chiusura, prima di lasciare la parola ai relatori, il

Questore ha ringraziato le psicologhe delle Polizia di Stato

in servizio in Questura e il vice Questore aggiunto Letizia

Mandaglio, responsabile della sezione misure di prevenzione

per il sensibile lavoro svolto nella gestione del Progetto

Daspo.

Ricerca

Le notizie del giorno