Stando al noto virologo, presto saremo nella stessa situazione di marzo

·2 minuto per la lettura
il virologo massimo galli esclude la carriera politica
il virologo massimo galli esclude la carriera politica

Stando al noto virologo Massimo Galli, intervenuto ad Agorà su Rai 3, a causa del Covid l’Italia andrà in contro a un lockdown come la Francia, ma “resta solo da capire quando”. “Da una parte la curva sale secondo le previsioni – ha iniziato Galli -. Dall’altra probabilmente, ma devo verificarlo, forse oltre le previsioni. E questo è estremamente allarmante. Ed è lì da vedere anche la situazione degli ospedali”.

“Covid, presto Lockdown”

Esiste “la speranza che i provvedimenti già adottati, anche loro assai discussi e combattuti sia da una parte politica sia da una parte dell’opinione pubblica, rischiano di non arrivare a fermare almeno in modo accettabile questo fenomeno” di impennata dei contagi da Covid-19. Queste le parole di Galli sull’ultimo Dpcm. “Vuol dire praticamente che già l’intero sistema sanitario è coinvolto al punto da fare molta fatica a rispondere a qualsiasi altra necessità dei cittadini dal punto di vista della salute. E questo è l’aspetto che io trovo uno dei più angoscianti e preoccupanti. E significa che probabilmente andiamo verso una soluzione vicina a quella della Francia. Ricordiamoci che li abbiamo esattamente avanti a noi, anche se di poco”.

L’esperto poi ritiene che presto imiteremo la Francia: “Quando arriveremo alla situazione francese, non se vi arriveremo. A me l’idea di un nuovo lockdown totale sconvolge abbastanza per tutto quello che va a significare. Io mi auguro veramente che si riesca a mettere in piedi quanto basta per riuscire a limitare i danni e riuscire a venirne fuori senza arrivare a questo. Però temo che si sia molto vicini soprattutto in determinate aree del Paese”.

E ancora: “Abbiamo già riconvertito tutto quello che si poteva riconvertire, a 30 letti al giorno, per arrivare all’attuale situazione e probabilmente non basterà. Qualcuno che si candida a premio Pulitzer trova vuoto il pronto soccorso di un ospedale e neanche domanda se per caso non era stato chiuso per eccesso di arrivi di malati. Ma succede questo nel Belpaese”.