Startup: Yocabè, ecommerce vola con 1,2 mln euro raccolti in 1 settimana crowdfunding

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 14 lug. (Labitalia) – La campagna di crowdfunding di Yocabè, l'azienda innovativa che aiuta i brand a vendere di più e meglio sui marketplace, ha registrato overfunding dopo solo una settimana di permanenza online sulla piattaforma Mamacrowd. Raggiunta e superata in tempi record la cifra target di 1,2 milioni di euro che servirà all'azienda, che quest'anno è stata censita dal Financial Times tra le imprese che sono cresciute di più in Europa, a innovare il settore dell’ecommerce. A partecipare all'investimento per 1 milione di euro anche Alicrowd, il primo prodotto Eltif di Venture Capital di Azimut Investments Sa che consente agli investitori privati di accedere alle più interessanti startup e pmi innovative, protagoniste dello sviluppo tecnologico industriale e digitale made in Italy.

“Siamo felici dell’ingresso di investitori di qualità e della conferma degli investitori esistenti che hanno deciso di re-investire anche in questa nuova campagna di finanziamento”, ha detto Vito Perrone, Ceo di Yocabè. “Siamo pronti ad avviare l'era 2.0 dei marketplace”, hanno aggiunto da Yocabè. Lo scopo della campagna, infatti, è di rendere accessibile a sempre più aziende il settore dell’ecommerce e dei marketplace e di accelerare lo sviluppo della tecnologia, dell’infrastruttura logistica internazionale e della rete di vendita online in vari paesi Europei.

Il nuovo target di campagna di 1,5 milioni di euro servirà a Yocabè ad accelerare l'acquisizione di nuovi clienti nei nuovi vertical come il beauty, l'home design e il lifestyle in generale e a potenziale l'espansione dell’infrastruttura logistica dell'azienda e dei canali di vendita nei mercati europei e Usa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli