Stati generali, Bernini (Fi): sembrano un congresso del Pcus

Rea

Roma, 12 giu. (askanews) - "Dieci giorni di Stati Generali sono un'enormit: pi di un normale conclave, pi di una mostra del Cinema, un lungo lockdown rigorosamente a porte chiuse con una spremuta di menti brillanti e Conte che apre, chiude e incontra i giornalisti per riferire delle sorti magnifiche e progressive che attendono il Paese. Un evento surreale, in mezzo a una crisi senza precedenti, che ricorda da vicino riti e scenografia dei congressi del Pcus". Lo scrive in una nota la presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini.

"Come nei vertici diplomatici senza accordo, si fermano gli orologi e si sospende il tempo in attesa che passi la nottata. Ma al peggio non c' mai fine: anche oggi infatti leader e comprimari della maggioranza ci accusano di disertare perch non abbiamo argomenti. Il problema, per, non il centrodestra, che peraltro di proposte ne ha messe a disposizione tantissime, ma un governo in cerca d'autore, senza bussola e senza strategia, che non avendo argomenti validi convoca l'universo mondo e fugge dal Parlamento nel tentativo di coprire il suo vuoto cosmico", conclude Bernini.