Stati Generali, il discorso di Giuseppe Conte

stati-generali-conte

Il premier Giuseppe Conte apre la terza giornata degli Stati Generali dell’Economia – che prevede la presenza di confederazioni, mondo del commercio e artigianato – facendo il punto della situazione su quello che è lo stato di salute del Paese.

“L’Italia sta faticosamente uscendo da uno choc senza precedenti che ha comportato e sta comportando altissimi costi umani, sociali ed economici. Adesso bisogna però guardare al futuro”. E per questo motivo, secondo il Primo Ministro italiano, non ci si può pensare di tornare al passato ma bisogna guardare al futuro con una: “Nuova normalità, che deve prevedere dei tassi di crescita economica e di sviluppo sostenibile sociale per il Paese ben più elevati rispetto al passato”.

Stati Generali, il pensiero di Conte

A Villa Pamphili per la terza giornata degli Stati Generali dell’Economia, il Premier Conte ha evidenziato: “Come sapete noi scontavamo delle difficoltà e se guardiamo al prodotto interno lordo e alla produttività ci collocavamo sempre al di sotto della media europea negli ultimi anni. Siamo però consapevoli che gli effetti completi della crisi devono ancora dispiegarsi. Nella diagnosi e nelle valutazioni scambiate con autorevoli economisti sabato e anche con altre interlocuzioni che abbiamo avuto con le massime autorità economiche è chiaro che l’incertezza c’è e peserà ancora. Quindi non è sufficiente sbloccare il lockdown, riaprire le attività perché venga meno questa incertezza”.

Inoltre, il capo del Governo italiano snocciola alcuni numeri Istat: “Oltre la metà delle imprese prevede una mancanza di liquidità per far fronte alle spese che si presenteranno fino alla fine del 2020, e che un’impresa su 4 segnala rischi operativi e di sostenibilità della propria attività”.

Certamente, non sono sfuggiti gli interventi che: “In questa situazione così critica abbiamo già dispiegato. Abbiamo messo sul campo e preventivato una quantità di risorse senza precedenti: 80 miliardi più ovviamente le garanzie per la liquidità, le moratorie sui finanziamenti di famiglie e imprese. Dicevo ieri che in rapporto al Pil l’Italia si colloca in questo momento al secondo posto per impegni finanziari assunti, in Europa in particolare”.

I provvedimenti del Governo

In questi mesi il Governo Conte ha messo in campo diverse iniziative come, per esempio, il Cura Italia e il Decreto Rilancio: “Ci sono tantissimi provvedimenti tra quelli adottati: le moratorie e le garanzie poste sui crediti delle imprese attraverso il Fondo centrale di garanzia PMI e le garanzie rilasciate da SACE. Una misura che ha presentato delle criticità che io stesso non ho nascosto. Ci sono state anche delle interlocuzioni con alcuni di voi per cercare di capire e superare queste criticità – ricorda Conte -. C’è stata in sede di conversione molta attenzione e un grande contributo anche da parte del Parlamento per migliorare quel decreto e quelle norme. Siamo in fase sperimentale”.

“Vorrei ricordare, inoltreprosegue Conte -, la sospensione di molti pagamenti fiscali e contributivi, l’esenzione dal versamento della prima rata Irap, il contributo a fondo perduto per i soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo, con fatturato nell’ultimo periodo d’imposta inferiore a 5 milioni di euro, per il quale da ieri è possibile presentare domanda online”.

“Ricordo anche il credito d’imposta nella misura del 60% del canone di locazione di immobili destinati allo svolgimento dell’attività economiche e ci sono varie altre misure. Diciamo che le misure ci sono, c’è un complesso di interventi che non sono affatto trascurabili nella portata economica. Siamo qui con voi per raccogliere le istanze che vorrete rappresentare in questa occasione di confronto”, ha sottolineato Conte.

Le difficoltà

Non nasconde le difficoltà il Premier Conte che, agli Stati Generali dell’Economia, sottolinea come il Bel Paese si ritrovi: “A gestire un’emergenza e sicuramente, non avendo potuto programmare interventi del genere, ci stiamo misurando anche con delle difficoltà oggettive del Paese: apparati burocratici, mentalità radicate, strategie dei vari uffici pubblici e dei partner privati di questi progetti. Dobbiamo scontare tutte queste novità”.

Per Conte si sta assistendo a un lento miglioramento: “In questo meccanismo e la sensazione è che anche le imprese bancarie, dopo l’iniziale assestamento, inizino a creare dei flussi di erogazione più consistenti e più apprezzabili”, riconosce il presidente del Consiglio.