Stato di emergenza: il capo del governo sarebbe intenzionato a prorogarlo

·1 minuto per la lettura
Draghi stato emergenza
Draghi stato emergenza

Secondo quanto emerso da fonti vicine a Palazzo Chigi, il Premier Draghi sarebbe intenzionato a prorogare lo stato di emergenza, che scade il 31 luglio 2021, fino alla fine dell’anno: la situazione emergenziale non è ancora finita e la campagna vaccinale deve proseguire a pieno ritmo anche con l’aiuto dei poteri straordinari nominati per fronteggiare la pandemia. In più c’è l’incognita varianti, che si teme possano portare a una ripresa dell’epidemia.

Draghi sullo stato di emergenza

L’ipotesi di non prorogare lo status era stata paventata dal ministro della Salute Roberto Speranza, il quale aveva affermato che “sarebbe bello farlo finire e dare un segnale positio al paese” lasciando comunque le valutazioni per i giorni immediatamente imminenti alla scadenza.

Stando ad alcuni esponenti vicini al capo del governo, si tratta però di una pista che Draghi non vorrebbe seguire prorogando l’emergenza “probabilmente fino al 31 dicembre 2021“. Questo perché la pandemia non è ancora finita così come la campagna di vaccinazioni. Inoltre si dovrà affrontare la situazione che seguirà alle vacanze estive e garantire una ripartenza ordinata e sicura a settembre-ottobre.

Con il mantenimento dello stato di emergenza, che dovrà essere discusso in Consiglio dei Ministri, il governo potrà adottare altri Dpcm dopo il 31 luglio comprese eventuali nuove restrizioni, potrà intervenire con tempestività per organizzare una ripartenza in sicurezza dell’anno scolastico e potrà tornare a varare quelle norme che hanno scandito la vita sociale ed economica degli italiani dall’esplosione dell’epidemia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli