Stato e città di New York testano la vaccinazione obbligatoria di caregiver e insegnanti

·2 minuto per la lettura
NEW YORK, NEW YORK - SEPTEMBER 25:  Kathy Hochul speaks onstage during Global Citizen Live, New York on September 25, 2021 in New York City. (Photo by Theo Wargo/Getty Images for Global Citizen) (Photo: Theo Wargo via Getty Images for Global Citizen)
NEW YORK, NEW YORK - SEPTEMBER 25: Kathy Hochul speaks onstage during Global Citizen Live, New York on September 25, 2021 in New York City. (Photo by Theo Wargo/Getty Images for Global Citizen) (Photo: Theo Wargo via Getty Images for Global Citizen)

Lo stato e la città di New York, colpiti dal Covid-19, sono i primi negli Stati Uniti a sperimentare la vaccinazione obbligatoria per operatori sanitari e insegnanti, che ha aumentato il tasso di vaccinazioni nonostante una minoranza di recalcitranti.

Da lunedì tutti gli operatori sanitari e il personale degli ospedali statali pubblici e privati, quasi 520 mila persone, devono essere vaccinati per andare a lavorare, altrimenti i loro stipendi saranno sospesi e rischiano di essere licenziati. Il governatore democratico dello stato, Kathy Hochul, inizialmente ha promesso di mobilitare la Guardia nazionale per sostituire i caregiver non vaccinati, suscitando il timore di una situazione caotica negli ospedali. Si è infine compiaciuta del fatto che nessuna struttura sanitaria sia stata chiusa per mancanza di personale da lunedì, giorno in cui è entrato in vigore l’obbligo in questo stato di 20 milioni di abitanti, il quarto nel Paese.

Il Covid-19 ha ucciso più di 56 mila persone nello stato, di cui 34.000 a New York, da marzo 2020. Altri stati dovrebbero seguire, come la California da oggi, ma i caregiver che rifiutano il vaccino mantengono la possibilità di lavorare sottoponendosi a test ogni settimana. Anche Kathy Hochul, succeduta ad Andrew Cuomo il 25 agosto, ha accolto con favore l’aumento del tasso di caregiver completamente vaccinati, che mercoledì aveva raggiunto l′87%. Ad esempio, la percentuale del personale delle case di cura che ha ricevuto almeno una dose di vaccino è passata dal 71% il 24 agosto, all′82% il 20 settembre e al 92% lunedì. Per Kathy Hochul, di fronte a uno dei suoi primi test politici, questo “dimostra che mantenere l’obbligo di vaccinazione per gli operatori sanitari è semplicemente la cosa giusta da fare”, mentre la norma è stata attaccata più volte in tribunale, finora senza alcun risultato.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli