Stato Unione, Trump e il "grande ritorno americano"

webinfo@adnkronos.com

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha salutato il "grande ritorno americano" nel suo terzo discorso sullo Stato dell'Unione, della durata di un'ora e 18 minuti. "Stiamo andando avanti a un ritmo che era inimmaginabile poco tempo fa, e non ci torneremo mai più!", ha detto in linea con il tono ottimistico scelto per il discorso, affermando che ''gli anni del decadimento economico sono finiti''. Riferendosi, senza citarlo, al suo predecessore Barack Obama, Trump ha quindi detto che "in soli tre brevi anni abbiamo infranto la mentalità del declino americano e abbiamo respinto il ridimensionamento del destino americano''. 

Trump non ha risparmiato colpi ai democratici, compresi i candidati di sinistra come Bernie Sanders che lo sfidano alla corsa alla presidenza. "Non permetteremo mai al socialismo di distruggere l'assistenza sanitaria americana!", ha detto il presidente. "Il socialismo distrugge le nazioni, ma ricorda sempre che la libertà unifica l'anima", ha aggiunto Trump. "Le nostre scoperte più brillanti non sono ancora note. Le nostre storie più elettrizzanti non sono ancora state raccontate. I nostri più grandi viaggi non sono ancora stati fatti", ha concluso. 

IRAN - Il presidente degli Stati Uniti ha quindi citato le sanzioni americane imposte all'Iran, affermando che stanno bloccando l'economia iraniana e insistendo sul fatto che Teheran debba modificare in modo significativo la sua politica. ''Il regime iraniano deve abbandonare la sua corsa alle armi nucleari, smetterla di diffondere morte, terrore e distruzione, e iniziare a lavorare per il bene del suo popolo'', ha affermato. ''Noi possiamo aiutarli a recuperare molto bene e in breve tempo. Forse sono troppo orgogliosi o troppo sciocchi per chiedere aiuto. Noi siamo qui. Vediamo quale percorso sceglieranno. Dipende tutto da loro'', ha aggiunto Trump. 

SOLEIMANI - Trump ha citato l'uccisione del generale iraniano Qassem Soleimani, avvenuta il 3 gennaio scorso in un raid aereo americano all'aeroporto di Baghdad. ''Soleimani era il macellaio più spietato del regime iraniano, un mostro che aveva ucciso o ferito migliaia di americani in Iraq'', ha detto. "Il mese scorso, sotto mia indicazione, l'esercito americano ha eseguito un raid aereo di precisione impeccabile che ha ucciso Soleimani e posto fine per sempre al suo regno malvagio del terrore", ha aggiunto Trump. 

TERRORISMO - "Il nostro messaggio ai terroristi è chiaro: non scapperete mai alla nostra giustizia'', ha detto ancora il presidente degli Stati Uniti. ''Se attaccate i nostri cittadini, perderete la vostra vita'', ha aggiunto, facendo poi riferimento alla lotta contro lo Stato Islamico (Isis). ''Tre anni fa, i barbari dell'Isis hanno conquistato territori in Iraq e Siria. Oggi, il territorio dell'Isis è stato distrutto al 100 per cento e il fondatore e leader dell'Isis, il killer sanguinario al-Baghdadi, è morto", ha affermato. 

CORONAVIRUS - Gli Stati Uniti stanno lavorando insieme alla Cina per contenere la diffusione del coronavirus, ha affermato ancora Trump. ''Proteggere la salute degli americani significa anche combattere le malattie infettive. Noi ci stiamo coordinando con il governo cinese e stiamo lavorando insieme sulla diffusione del coronavirus in Cina. La mia Amministrazione compirà tutti i paesi necessari per salvaguardare i nostri cittadini da questa minaccia'', ha aggiunto senza fornire ulteriori dettagli. All'inizio della settimana la Casa Bianca aveva detto che la Cina aveva accettato la presenza di esperti americani nel Paese nell'ambito della lotta elaborata dall'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) per combattere l'epidemia. In precedenza Pechino aveva accusato Washington di aver diffuso il panico invece di fornire assistenza. 

MIGRANTI - Il presidente americano ha attaccato i migranti senza documenti, chiedendo la fine della ''assistenza sanitaria gratuita per gli stranieri illegali''. ''Se arrivi illegalmente, noi ti manderemo via immediatamente dal nostro Paese'', ha detto. Trump ha poi descritto il caso di un immigrato senza documento che ha commesso un omicidio ''a sangue freddo'', accusando le ''terribili'' città che prevedono leggi a tutela dei clandestini. 

Trump ha quindi lodato gli agenti ''eroi'' che si occupano del controllo doganale e dell'immigrazione, affermando che "mentre il muro si alza, i sequestri di droga aumentano e i valichi di frontiera scendono". ''Sfortunatamente, ci sono molte città in America in cui i politici hanno scelto di offrire rifugio a questi criminali stranieri illegali'', ha aggiunto, affermando che alcuni ''funzionari locali ordinano alla polizia di liberare pericolosi stranieri criminali per depredare la gente, invece di consegnarli all'autorità per il controllo delle frontiere per essere rimossi in sicurezza". 

Più di 400 giurisdizioni in tutta l'America, tra cui New York, Los Angeles, Boston e Seattle, hanno messo in atto politiche a tutela degli immigrati privi di documenti all'interno dei loro confini.