Stazione Termini in tilt, passeggeri inferociti

di Ilaria Floris Treni cancellati, altri con oltre tre ore di ritardo, coincidenze perse e - in qualche caso - vacanze sfumate. Lo scalo ferroviario di Roma Termini stamattina è in tilt: l’incendio doloso che ha causato uno stop forzato della viabilità a causa del principio di incendio divampato in una cabina elettrica dell’alta velocità della stazione di Rovezzano, in periferia di Firenze, ha generato confusione e rabbia nei cittadini in partenza. Il tabellone è impietoso, e i volti smarriti dei viaggiatori che guardano verso l’alto alla ricerca di risposte parlano chiaro.  

"Avevamo il treno per Napoli per andare a Stromboli - dice all’Adnkronos una coppia di signori siciliani - ma ora perderemo la coincidenza e non riusciremo ad arrivare". Poche le informazioni disponibili, e in qualche caso davvero difficili da ottenere. "E assurdo, non c’è nessuno a cui rivolgersi -interviene una signora diretta a Venezia- non sappiamo cosa fare e dove andare per sapere cosa sarà del nostro viaggio".Anche due giovani diretti a Napoli non riusciranno a raggiungere gli amici in partenza per le vacanze. "Avevamo organizzato da tanto tempo per partire insieme - dicono inferociti- è sconcertante che non si riesca a sapere di che morte dobbiamo morire". La situazione, che si protrae dalle 6 di questa mattina, nel frattempo non sembra ancora in via di risoluzione. Non resta che attendere. Sia i treni, che il ritorno alla normalità.