Stefano Cillio, altri 2 dischi d'oro

·3 minuto per la lettura

Novembre è stato un mese pieno di soddisfazioni per Stefano Cilio, scrittore, conduttore radiofonico e soprattutto produttore musicale classe 1980. Dopo aver vinto in ottobre il disco d’oro in Austria con il suo singolo di debutto “Glance”, sono arrivate altre due certificazioni internazionali per l’artista milanese. Dapprima il disco d’oro in Ungheria, ottenuto dall’ente Mahasz (affiliato della federazione internazionale IFPI) per aver superato 500.000 ascolti premium nella nazione magiara, e proprio ieri il disco d’oro in Sudafrica per la vendita di oltre 10.000 copie del singolo: l’associazione sudafricana RISA (Recording Industry of South Africa) ha notificato il superamento della soglia sul proprio sito internet, rendendo Cilio il primo italiano di sempre a ottenere questo prestigioso premio. “Dopo due premi europei è un grande onore ricevere questo riconoscimento intercontinentale, in uno Stato attivissimo dal punto di vista musicale e molto esigente con le produzioni estere”, dice Cillio.

Nel frattempo il nuovo singolo “Tonight”, una canzone maggiormente ancorata ai canoni della musica dance, ha ottenuto un altro record: dopo essere stato a lungo sul podio della classifica di Spotify in Romania, il brano è riuscito a conquistare la posizione numero 1 della chart della piattaforma più importante al mondo, lasciandosi alle spalle mostri sacri come Adele, Lil Nas X e Travis Scott. Curiosamente anche la versione extended di “Tonight” è entrata in contemporanea nella classifica di Spotify in Romania, raggiungendo il numero 11 a pochi stream dalla top ten. Grazie a questo traguardo la canzone è stata inserita per due settimane nella playlist più ascoltata della piattaforma, “Hot Hits”.

"Sinceramente è una situazione incredibile e completamente inaspettata, soprattutto in considerazione del fatto che la musica italiana all’estero fa storicamente fatica ad emergere, eccezion fatta per alcuni nomi grandissimi. La vittoria dell’Eurovision da parte dei Maneskin ha sicuramente contribuito a generare maggiore interesse nei confronti delle nostre produzioni, ma non avendo né una casa discografica né un promoter faccio ancora fatica a credere di aver ricevuto tre dischi d’oro ufficiali e la prima posizione su Spotify. In Italia questo non è possibile, senza label sei un fantasma, mentre i mercati internazionali sono più liberi e se vogliamo democratici: se piaci arrivi comunque in alto, a prescindere dalla tua situazione contrattuale, e per me è una soddisfazione maggiore arrivare in nazioni e continenti in cui solo dieci anni fa era impossibile anche solo farsi conoscere", dice l'artista.

Il terzo singolo di Stefano Cilio si intitolerà “Breathless”, sarà una ballad pop elettronica e uscirà tra qualche settimana con la speranza di fare tris: “Il secondo brano è sempre il più complicato dopo aver ottenuto buoni risultati al debutto, ed è spesso decisivo nella prosecuzione di una carriera: fortunatamente nel mio caso è andata bene e con la terza canzone mi permetterò di sperimentare un po’ e di stupire gli ascoltatori con un cambio di genere. Ci sarà anche un remix per proseguire la strada intrapresa con “Glance” e “Tonight”, però la versione principale abbasserà decisamente il ritmo e spero possa essere una scoperta anche per gli amanti della musica pop”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli