Stefano De Martino indispettisce i napoletani: le critiche al ballerino e presentatore

·2 minuto per la lettura
stefano de martino
stefano de martino

Stefano De Martino si è trovato improvvisamente al centro di una polemica, che questa volta non ha nulla a che fare con il gossip e con le presunte fidanzate. Il presentatore di Rai Due ha infatti recentemente commentato la partita dell’Italia contro Turchia insieme ai The Jackal, che hanno voluto fare un gioco con lui.

Stefano De Martino in difficoltà

Decidendo dunque di fargli un po’ di domande per conoscerlo meglio, i comici gli hanno proposto il gioco del “rispondi o posta”. Stefano poteva quindi decidere di rispondere o al contrario di pagare pegno in maniera digitale. La prima domanda facile è stata: “Se in un elicottero in fiamme ci fossero Maria De Filippi e il direttore di Rai Due che ti offre tre stagioni di un programma, tu chi salvi?”. Il padrona di casa di Made in Sud ha quindi risposto senza esitazioni che salverebbe la sua mentore Queen Mary.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.
Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Alla seconda domanda, più insidiosa, l’ex marito di Belen Rodriguez ha invece avvertito qualche difficoltà. “Hai spesso collaborato con Biagio Izzo, Francesco Paolantoni e Maurizio Casa Grande: chi è il più simpatico tra i tre? Fai una classifica dal più carino al più antipatico“. In questo caso l’ex ballerino di Amici ha preferito optare per la penitenza, pubblicando così una IG Stories dove ha precisato: “Sarei voluto nascere a Milano invece che a Torre Annunziata“. Proprio tali parole hanno tuttavia notevolmente infastidito i suoi connazionali, che hanno accusato Stefano De Martino di razzismo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli