Stellantis valuta chiusura linea produttiva a Melfi - Fim Cisl

di Giulio Piovaccari
·2 minuto per la lettura
Operaio nello stabilimento di Melfi

di Giulio Piovaccari

MILANO (Reuters) - Stellantis sta studiando un piano che potrebbe prevedere la chiusura di una delle due linee produttive nello stabilimento di Melfi, in Basilicata.

Lo ha detto a Reuters il segretario della Fim Cisl, Ferdinando Uliano.

I modelli Jeep Renegade e Compass e il Suv compatto Fiat 500X vengono prodotti a Melfi, che è considerato lo stabilimento più efficiente di Stellantis in Italia, ma la produzione di questi modelli potrebbe passare a un'unica linea produttiva.

La chiusura di una linea produttiva a Melfi potrebbe segnare un primo passo da parte del Ceo Carlos Tavares per affrontare l'eccesso di capacità produttiva in Italia.

Stellantis non ha rilasciato dichiarazioni al riguardo.

La produzione della casa automobilistica in Italia è sotto esame perché costa più che altrove e Stellantis, nata dalla fusione del gruppo francese Psa con Fiat Chrysler all'inizio di quest'anno, mira a tagliare i costi per oltre 5 miliardi di euro all'anno.

Il ridimensionamento degli impianti è stato al centro della strategia per "tornare in gara" di Tavares a Psa, aiutando la casa produttrice di Peugeot a risollevarsi un decennio fa quando era a un passo dalla bancarotta.

Tutti gli stabilimenti che producono meno di 250.000 veicoli all'anno hanno visto la capacità ridotta da due linee di produzione a una per massimizzare la capacità sulla linea rimanente.

In Francia, Psa ha adottato questa soluzione negli stabilimenti di assemblaggio di Rennes, Poissy e Mulhouse. In seguito, Psa ha applicato lo stesso approccio nei siti di Opel-Vauxhall dopo l'acquisto dell'attività da General Motors.

Secondo Uliano, Stellantis sta valutando il piano ma non ha ancora preso una decisione in proposito, e il sindacato deve ancora ricevere da parte dell'azienda una conferma ufficiale che un progetto del genere sarà effettivamente preso in considerazione.

Tavares ha promesso che non verranno chiusi stabilimenti né tagliati posti di lavoro.

"Siamo molto preoccupati", ha detto Uliano. "Una volta ridotta la capacità produttiva di uno stabilimento, è molto difficile recuperarla".

In Italia, Mirafiori a Torino ha due linee produttive, mentre tutte le altre sedi di Stellantis nel Paese ne hanno una.

I sindacati incontreranno i vertici di Stellantis Europe il 15 aprile a Torino per discutere le prospettive per i siti produttivi del gruppo in Italia.

((Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Roma Francesca Piscioneri, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614))