Stime Bce ancora valide con lockdown in vigore fino a fine marzo - Lagarde

di Alessandra Galloni
·2 minuto per la lettura
Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea

di Alessandra Galloni

FRANCOFORTE (Reuters) - L'economia della zona euro dovrebbe riprendersi come previsto, se le misure di lockdown contro la pandemia di coronavirus saranno revocate entro fine marzo e se i vaccini saranno distribuiti.

Lo ha detto oggi Christine Lagarde, presidente della Bce, in un'intervista durante la conferenza Reuters Next.

A dicembre la Bce ha stimato per il 2021 una crescita dell'economia del 3,9% per i 19 paesi della zona euro, prevedendo il graduale contenimento della pandemia.

Tuttavia, i crescenti casi di contagi da Covid-19 e le sempre più diffuse restrizioni ai movimenti e alle attività economiche in paesi come Germania e Francia, insieme alla lenta distribuzione dei vaccini, mettono in dubbio le stime Bce, dopo solo due settimane nel nuovo anno.

Tuttavia, Lagarde ha confermato oggi le proiezioni della banca centrale, spiegando che tenevano in considerazione le restrizioni.

"Ritengo che le nostre ultime proiezioni a dicembre siano ancora chiaramente plausibili", ha detto Lagarde. "Le nostre stime si basano su misure di lockdown in vigore fino alla fine del primo trimestre".

Il 10 dicembre la Bce aveva detto che le stime si basavano su ipotesi di livelli "sufficienti" d'immunità di gregge, raggiunti entro la fine del 2021.

Lagarde ha ammesso che le prime vaccinazioni sono state "impegnative" e che si tratta di un rischio da tenere d'occhio.

"Una possibile preoccupazione è che dopo la fine di marzo alcuni paesi avranno ancora bisogno di imporre misure di lockdown e che, per esempio, i programmi di vaccinazione rallentino", ha aggiunto.

Gli economisti del settore privato stanno già tagliando le loro prospettive di crescita, con Bank of America che ora stima un'espansione del 2,9%, un punto percentuale in meno rispetto alle proiezioni precedenti della banca.

Per sostenere la zona euro, la Bce ha già esteso la propria politica ultra-accomodante fino al 2022, anche se, con i tassi d'interesse già ai minimi storici e in territorio negativo in alcuni paesi della zona euro, le misure di stimolo a disposizione dell'istituto sono limitate.

Lagarde ha aggiunto che la Bce potrebbe espandere ulteriormente il proprio programma d'acquisto di bond, se necessario, ma potrebbe anche evitare di sfruttare interamente i 1.850 miliardi di euro stanziati per gli acquisti, una volta terminata la crisi.

Per seguire ulteriormente la conferenza Reuters Next, cliccare qui http://www.reuters.com/business/reuters-next o qui.

Per seguire Reuters Next in diretta, cliccare qui https://www.reutersevents.com/events/next/register.php

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, enrico.sciacovelli@thomsonreuters.com, +48587696613)