Stop all'elettricità in Libano, il blackout potrebbe durare alcuni giorni

·2 minuto per la lettura
blackout libano
blackout libano

Continua la crisi economico-sociale in Libano, dove da alcune ore è in corso un blackout totale in tutto il paese. Lo stop all’elettricità è stato causato dall’esaurimento del combistibile delle due principali centrali elettriche dello stato, quella di Al-Zahrani e quella di Deir Ammar. Secondo fonti governative citate dall’agenzia di stampa Reuters, al momento il blackout potrebbe durare alcuni giorni, dato che la potenza delle due centrali è diminuita di colpo di ben 200 megawatt.

Blackout totale in Libano, fuori uso le due principali centrali del paese

Stando a quanto riportato dalla stampa di Beirut, nelle scorse settimane altre centrali di piccole dimensioni avevano già smesso di funzionare, ma è con lo stop ai due centri di Al-Zahrani e Deir Ammar per la mancanza di olio combustibile (un sottoprodotto del petrolio) la corrente elettrica nel paese dei cedri ha smesso totalmente di funzionare.

Attualmente la compagnia elettrica statale libanese sta cercando di attuare un ripristino manuale della rete elettrica, anche a causa dell’assenza del centro di controllo nazionale, andato distrutto durante l’esplosione del porto di Beirut avvenuta lo scorso 4 agosto del 2020.

Blackout totale in Libano, a maggio il peggioramento della crisi energetica

La crisi economica ed energetica in corso in Libano ormai da due anni si è pesantemente aggravata a partire dal mese di maggio, quando quando l’azienda turca di energia Karpowership ha decretato lo stop alla sua fornitura di elettricità nel paese perché da 18 mesi non veniva più pagata. Il Libano aveva infatti accumulato più di 80 milioni di euro di debiti nei confronti della compagnia, che forniva circa un quarto dell’emergia elettrica del paese.

Blackout totale in Libano, in corso tentativi di ripristinare la rete

Nel tentativo di far rientrare almeno parzialmente la crisi energetica che affligge il Libano, nel mese di luglio 2021 l’Iraq ha firmato un accordo che consente al governo libanese, a corto di liquidità, di poter pagare 1 milione di tonnellate di olio combustibile pesante all’anno in beni e servizi.

Nel frattempo la compagnia Electricité du Liban (EdL) ha dichiarato che una spedizione di olio carburante dovrebbe arrivare entro la serata di sabato, ma bisognerà aspettare l’inizio della prossima settimana perché il combustibile arrivi fino alle centrali.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli