Stop a Commissaria Ue designata rumena, conflitto d'interessi

Loc

Bruxelles, 26 set. (askanews) - La commissione Affari giuridici del Parlamento europeo, riunita stamattina a Bruxelles a porte chiuse, ha deciso, con 15 voti contro sei e due astensioni, di negare il suo via libera risguardo alla dichiarazione d'interessi della commissaria europea designata ai trasporti, la rumena Rovana Plumb. La notizia, non ancor confermata ufficialmente (ma neanche smentita) dal Parlamento europeo, è stata diramata su Twitter dal corrispondente europeo del quotidiano belga Le Soir, Jurek Kuczkiewicz, che è di origine polacca.

Secondo una nuova regola dell'Europarlamento che si applica per la prima volta in quest'occasione, prima ancora di passare alle audizioni di conferma delle commissioni parlamentari competenti, i commissari designati devono presentare la loro dichiarazione d'interessi alla commissione giuridica, che può decidere di non dare il suo via libera se sospetta possibili conflitti d'interessi in relazione al portafogli del futuro membro della Commissione. E' quello che è successo con Rovana Plumb. (Segue)