Stop pagine fake news su Hong Kong, Cina attacca Twitter-Facebook -3-

Mos

Roma, 21 ago. (askanews) - Pechino ha bollato come violenti i dimostranti che da tre mesi scendono in piazza per protstare contro la proposta di legge sull'estradizione e contro la leader dell'amministrazione dell'ex colonia britannica, Carrie Lam. Inoltre ha parlato di "segnali di terrorismo" nella protesta e ha ventilato la possibilità che entità straniere, gli Usa in particolare, soffino sul fuoco delle dimostrazioni per suscitare una rivoluzione colorata.

Secondo il Quotidiano del Popolo, i profili bloccati lungi dal diffondere fake-news, rappresentavano "la gioventù cinese che ha i suoi metodi per prendersi cura e sostenere Hong Kong sulle piattaforme media". (Segue)