Storia: Colombo era italiano o spagnolo? Lo svelerà indagine sul Dna (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – La disputa tra la Spagna e il paese caraibico sui resti ha origine nel fatto che i corpi dello scopritore dell'America e di suo figlio furono trasferiti dalla penisola nel 1523 all'isola di Hispaniola (territorio oggi condiviso dalla Repubblica Dominicana e Haiti). dove il marinaio voleva essere sepolto. I corpi furono depositati nella Cattedrale di Santo Domingo, fino a quando nel 1793 la Spagna cedette l'isola caraibica alla Francia. Le urne furono poi trasportate nella Cattedrale dell'Avana, dove rimasero fino all'indipendenza di Cuba nel 1898. Da lì, con tutti gli onori, furono rispedite in Spagna e collocate nella Cattedrale di Siviglia, dove l'ammiraglio riposa in un'imponente opera di sepoltura di Arturo Mélida.

I promotori del progetto internazionale di ricerca stanno cercando, attraverso il governo spagnolo, di ottenere dalla Repubblicana Dominicana le ossa che ancora conserva per sottoporle alle indagini del Dna.

I resti mortali di Colombo, custoditi dal 2003 in una cassaforte blindata dell'Università di Granada, dovrebbero essere analizzati nei prossimi giorni dall'università stessa e da diversi laboratori in Europa – tra cui alcuni italiani, per evitare sospetti, se si stabilirà che lo scopritore non era genovese – e l'America. I risultati dell'indagine saranno resi pubblici a ottobre in un documentario diretto da Regis Francisco López, prodotto da Rtve e Story Producciones.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli