Storia di Egidio, morto di cancro il giorno dopo essere uscito di prigione

Egidio T., operaio saldatore e giramondo in pensione, nessuna condanna in un'aula di giustizia prima di quella che ha segnato l'ultimo vicolo della sua vita, è morto a 82 anni dopo avere trascorso 9 mesi nel carcere di Parma in compagnia di un cancro. La sua è una storia contorta, di disfunzioni comuni nel sistema della giustizia. Nessuno ha una colpa precisa che sia andata così, spiega all'AGI il suo avvocato Letizia Tonoletti, ma certo quell'uomo, “che spesso doveva attaccarsi a una macchinetta per respirare”, non doveva finire in una prigione. Solo il giorno prima del suo decesso, avvenuto il 6 settembre, il magistrato di Sorveglianza aveva autorizzato la detenzione domiciliare in ospedale.

Era stato condannato nel 2017 a tre anni e mezzo di carcere dal Tribunale di Ancona per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina perché, nel 2012, avevano trovato un uomo dentro a un baule legato sopra al suo furgone, sbarcato con un traghetto dalla Grecia all'Italia. “Dopo essere stato denunciato, il mio assistito non ha più ricevuto notizie di quel procedimento perché ha cambiato domicilio dimenticandosi di comunicarlo alla magistratura”.

Si è ricordato di quella vicenda quando, subito dopo la sentenza, sono andati a prenderlo nell'alloggio popolare dove viveva per rinchiuderlo. Il suo difensore non ha potuto che prenderne atto perché il reato è ostativo e quindi non permetteva di evitare il carcere salvo gravi problemi di salute. E, quando il condannato va subito in carcere, l'istanza per chiedere misure alternative viene esaminata a qualche mese di distanza. La difesa l'ha presentata a maggio di quest'anno, dopo avere tergiversato per via dei problemi economici che Egidio avrebbe potuto patire perché con la condanna gli era stato tolto anche l'assegno assistenziale a integrazione della modesta pensione e il rischio era che, tornando a casa, morisse di fame.

Ai primi di settembre, il giudice della Sorveglianza di Reggio Emilia ha scritto alla difesa che avrebbe concesso la detenzione domiciliare solo dopo le dimissioni dall'ospedale in cui era stato ricoverato. Nei giorni seguenti, dal carcere è arrivata al magistrato la comunicazione che il ricovero si sarebbe protratto vista la gravità del quadro clinico. Il 5 settembre sono stati firmati finalmente i domiciliari, in ospedale. “Egidio mi aveva giurato di essere innocente - dice ora la legale - e di avere caricato il baule sotto minaccia di morte da parte di un uomo, non immaginando il contenuto del bagaglio. Il suo errore è stato non avere comunicato il cambio di residenza. Se l'avesse fatto, un legale avrebbe potuto chiedere di patteggiare una pena che non comportava il carcere o, almeno, fare appello, fermando così l'esecuzione della pena. La sua però è una dimenticanza comprensibile considerando anche che, dopo la denuncia, ha trascorso lunghi periodi in ospedale a causa del tumore. Sarebbe inoltre giusto che, davanti a casi che coinvolgono soggetti così fragili, la magistratura, prima di emettere l'ordine di esecuzione, allerti i servizi sociali in modo da poter presentare subito un'istanza di misure alternative. Quanto ai tempi, quelli presi dal giudice per decidere sono standard”.

In carcere Egidio, che ha vissuto per tanti anni in Argentina, “ha sempre detto di essere stato trattato bene, ma non vedeva l'ora di uscire”. Prima di entrarci, racconta chi lo conosceva attraverso l'associazione di Parma ‘Rete Diritti in Casa', “era sereno e pimpante, nonostante la malattia”.