Storia di Novodevichy, il cimitero dei nobili dove sarà sepolto Gorbaciov

KIRILL KUDRYAVTSEV / AFP

AGI - A Mosca, al cimitero di Novodevichy - il luogo di sepoltura più prestigioso dell'Unione sovietica dopo la necropoli delle mura del Cremlino - accanto all'omonimo monastero, sono in corso i preparativi per i funerali dell'ex primo e ultimo presidente dell'Urss, Mikhail Gorbaciov.

Deceduto dopo una lunga malattia all'età di 91 anni, Gorbaciov sarà sepolto accanto alla moglie Raisa, a soli dieci passi dal generale Aleksandr Lebed, politico molto popolare nella Russia post-sovietica e morto in un incidente nel 2002, e a 50 passi dal primo presidente della Federazione russa e suo grande antagonista Boris Eltsin, sepolto proprio al centro del cimitero nel 2007 in una tomba inconfondibile che ha scolpito nel marmo un tricolore russo che si muove al vento.

Necropoli aristocratica di Mosca già nel XVI secolo, a Novodevichy venivano sepolti i nobili russi ma col tempo finirono per trovarsi uno a fianco all'altro scrittori (Anton Chechov e Nikolai Gogol) e musicisti (il Paganini russo, David Ojstrach e il compositore Serghei Prokofiev), ingegneri (Andrei Tupolev, inventore degli omonimi aeromobili) e politici (l'ex segretario del Partito Comunista dell'Unione sovietica, Nikita Krusciov) nonché mogli di leader come la seconda consorte di Stalin, Nadezha Allilueva, morta suicida.

"A Novodevichy", scrive Tatiana Pigareva nel suo 'Mosca, autobiografia di una citta'' (Fbe edizioni), lo sguardo si copriva con troppe immagini corrosive dell'uniformità totalitaria". Per frenare i curiosi, soprattutto quelli che affluivano alla tomba di Krusciov (padre della cosiddetta 'destalinizzazione'), a partire dagli Anni '70 l'accesso al cimitero fu proibito a coloro che non avevano parenti sepolti.

La sua riapertura, nel 1987, fu una delle conquiste proprio della glasnost gorbacioviana: libertà di parola e di sguardo. Dagli Anni '30, Novodevichy è considerato il cimitero dell'élite nazionale e la sepoltura sul suo territorio, sotto i maestosi pini e betulle, è considerato un riconoscimento pubblico dei meriti del defunto.

Nonostante l'alto rango del cimitero, qui riposano anche persone poco conosciute, ma con i contatti necessari per acquistare un posto nella prestigiosa necropoli. Per questo motivo, c'è una lotta costante sotterranea e nascosta al grande pubblico per acquisire il diritto di essere sepolti a Novodevichy.