Storici: è morto Antoine Faivre, tra i massimi studiosi dell'esoterismo

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Parigi, 21 dic. – (Adnkronos) – Lo storico francese Antoine Faivre, tra i massimi studiosi dell'esoterismo, specialista delle correnti misteriche e mistiche nell'Europa moderna e contemporanea, è morto a Parigi all'età di 87 anni. Massone dichiarato, l'annuncio "del passaggio del fratello all'Oriente Eterno", avvenuto il 19 dicembre, è stato dato dalla Gran Loggia Nazionale Francese, di cui era membro dal 1984.

Faivre è stato allievo e successore di François Secret, titolare della cattedra di Storia dell'esoterismo cristiano all'Ecole Pratique des Hautes Etudes di Parigi. Nel 1979 Faivre ha ribattezzato il suo insegnamento 'Storia delle correnti esoteriche e mistiche nell'Europa moderna e contemporanea', prima cattedra del genere in un'università europea. A Faivre era riconosciuto il merito di aver ridefinito la nozione di esoterismo e i suoi riferimenti concettuali e metodologici.

Ha diretto diverse riviste quali i "Cahiers de l'Hermétisme", "Aries. Association pour la Recherche et l'Information sur l'Ésotérisme" (da lui fondata nel 1985) e la nuova serie in inglese "Aries. Journal for the Study of Western Esotericism". Come storico dell'esoterismo, ha indagato dalla riscoperta degli antichi scritti ermetici nel Rinascimento alle origini della massoneria, dal diffondersi della leggenda dei Rosacroce fino alla letteratura esoterica contemporanea, temi su cui ha scritto numerosi articoli, monografie e libri. Tra i suoi volumi in italiano "L'esoterismo. Storia e significati" (Sugarco, 1992), "Esoterismo, spiritismo, massoneria" (Mondadori, 1994), "Esoterismo e Tradizione" (Elledici, Torino, 1999), "L'esoterismo occidentale. Metodi, temi, immagini" (Morcelliana, 2012).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli