Strada intitolata a Stefano Cucchi: avviato l’iter del Campidoglio

strada intitolata a stefano cucchi

La morte di Stefano Cucchi nel 2009 ha generato ampi dibattiti giuridici e politici in Italia. Dopo dieci anni, il prossimo 12 novembre inizierà la prima udienza del quarto processo per la morte del geometra romano. Processo che vede seduti sul banco degli imputati otto carabinieri. È anche sulla scia del nuovo processo che è arrivata la proposta di avviare l’iter per avere, nella Capitale, una piazza, un giardino o una strada intitolata a Stefano Cucchi.

Una strada intitolata a Stefano Cucchi

Gianluca Peciola, capogruppo di Sel, aveva presentato la mozione con la proposta di dedicare una via di Roma alla memoria di Stefano il 23 settembre del 2014. Nello stesso giorno ebbe inizio il processo d’appello sulla morte di Stefano. Tutta la maggioranza di centrosinistra ha sottoscritto la mozione insieme al Movimento 5 Stelle, approvando così la proposta nel 2018. L’obiettivo era quello di esprimere così la vicinanza del territorio alla famiglia Cucchi. In particolare alla sorella Ilaria, che ha lottato strenuamente affinché fosse fatta chiarezza sulle circostanze della morte di Stefano. “Ringrazio l’VIII Municipio per il progetto di dedicare a mio fratello Stefano un luogo della città”, questo il commento di Ilaria su Twitter.

La discussione della proposta è stata calendarizzata in occasione della prossima commissione capitolina toponomastica che avrà luogo nel mese di novembre. Probabilmente verrà intitolata a Stefano una via del quartiere Garbatella. Il 12 ottobre in Campidoglio si è celebrato anche il decimo Memorial dedicato a Stefano Cucchi, un evento per tenere viva la memoria di “tutti gli altri Stefano” della storia italiana, come ricordato dalla sorella Ilaria.