Strage alla festa di compleanno in Colorado: "Ha ucciso perché non invitato al party"

·Collaboratrice Social News
·2 minuto per la lettura
(Photo: Helen H. Richardson via Denver Post via Getty Images)
(Photo: Helen H. Richardson via Denver Post via Getty Images)

L’uomo che durante un festa di compleanno ha ucciso sei persone, tra cui la sua fidanzata, a Colorado Springs, in Colorado, ha agito perché non era stato invitato. Lo riferisce la polizia. L’uomo, che si è poi tolto la vita con la stessa arma da fuoco, è il 28enne Teodoro Macias e aveva una storia da un anno con una delle vittime.

Teodoro si è presentato armato alla festa, dove erano presenti anche bambini, rimasti incolumi. La strage è avvenuta poco dopo la mezzanotte di sabato al Canterbury Mobile Home Park, un parco che ospita case mobili. Dopo essere entrato nel caravan che ospitava il party, ha cominciato a sparare.

“Oggi ci troviamo a piangere la perdita di vite umane e a pregare solennemente per coloro che sono stati feriti e per coloro che hanno perso i familiari in un atto di violenza insensato”, ha detto il sindaco di Colorado Springs John Suthers. “Le parole - ha detto il capo della polizia Vince Niski - non sono sufficienti per descrivere la tragedia avvenuta questa mattina. Come capo della polizia, come marito, come padre, come nonno, come membro di questa comunità, il mio cuore si spezza per le famiglie che hanno perso qualcuno che amano e per i bambini che hanno perso i loro genitori. Dagli agenti che hanno risposto alla sparatoria agli investigatori ancora sulla scena, siamo rimasti tutti incredibilmente scossi. Questo è qualcosa che speri non accada mai nella tua comunità, nel luogo che chiami casa”.

Negli Stati Uniti ci sono state almeno nove sparatorie di massa durante il fine settimana che hanno provocato la morte di almeno 15 persone e il ferimento di altre 30 persone. Lo riporta un rapporto di Cnn e un’analisi dei dati del Gun Violence Archive (Gva), dei media locali e dei rapporti della polizia.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.