Strage Beslan: Corte diritti condanna Russia, Cremlino “sentenza inaccettabile”

A Beslan fu violato il diritto alla vita e la Russia dovrà pagare 3 milioni di euro alle famiglie delle vittime e ai sopravvissuti. La Corte europea dei diritti umani ha accolto il ricorso di 409 cittadini russi secondo i quali le autorità hanno fallito nel prevenire la presa di ostaggi nella scuola dell’Ossezia del Nord da parte di un commando di ribelli ceceni tra il primo ed il 3 settembre del 2004.

Per il Cremlino si tratta di una sentenza inaccettabile e il portavoce di Vladimir Putin annuncia ricorso contro la decisione.

Secondo i giudici, furono commessi “gravi errori” nella “preparazione e nel controllo dell’operazione di sicurezza” e ci fu un uso sproporzionato della forza quando si diede il via all’assalto.

Durante l’assedio, i separatisti ceceni presero in ostaggio più di 1.000 persone: nell’assalto delle teste di cuoio russe preceduto da due esplosioni il 3 settembre 2004 le vittime furono oltre 330, fra cui 186 bambini. Circa 750 persone rimasero ferite.

Le forze di sicurezza – recita la sentenza – usarano armi potenti come un cannone, lancia-granate e lancia fiamme, provocando ulteriori vittime fra gli ostaggi.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità