Strage bus Erasmus: le famiglie delle vittime ottengono processo

(Photo by Joan Cros via Getty Images)

Hanno dovuto attendere tre anni e ci sono volute tre opposizioni e altrettanti tentativi di archiviazione, ma oggi la Corte d’Appello di Tarragona ha accolto l’ultimo ricorso delle famiglie delle 7 vittime della strage di Freginals. Era il 20 marzo 2016 quando un pullman, guidato dal 62enne Santiago Rodriguez Jimenez, si ribaltò facendo perdere la vita a 13 studentesse Erasmus in Spagna, tra cui 7 italiane.

Le famiglie di Elisa Valent, Valentina Gallo, Elena Maestrini, Lucrezia Borghi, Elisa Scarascia Mugnozza, Serena Saracino e Francesca Bonello a 3 anni dalla tragedia potranno chiedere giustizia per la morte delle proprie figlie che, partite alla volta della Spagna per studio, hanno perso la vita in quella tragica notte di marzo. Secondo quanto riportato da Il Secolo XIX la famiglia Bonello ha commentato positivamente l’accoglimento del ricorso: "Si tratta di una decisione che accogliamo con soddisfazione finalmente potremo avere un processo e chiedere giustizia".

GUARDA ANCHE - Incidenti stradali, numeri drammatici per i giovani

Per i giudici dovrà essere un processo a stabilire cosa è accaduto quella notte. L’autista del pullman, unico imputato a processo, è accusato di omicidio colposo. In un primo momento aveva ammesso di essersi addormentato, una circostanza confermata successivamente anche dalle consulenze di parte sulla scatola nera, che mostravano vistosi cambi di velocità come se il guidatore avesse avuto vari colpi di sonno prima dello schianto.

GUARDA ANCHE - Ecco le principali cause di incidente stradale

Gli investigatori catalani, secondo quanto apprende Ansa, avevano escluso che il pullman avesse guasti strutturali. Il conducente, tuttavia, aveva ritrattato quella prima versione, durante un interrogatorio. E a complicare ulteriormente il quadro si era aggiunta una perizia, che le famiglie hanno atteso per sette mesi, sul sistema frenante del mezzo. Dopo questa lunga attesa il perito della Procura di Amposta aveva concluso che era impossibile stabilire se i freni funzionavano o no. E la Procura aveva chiesto una nuova archiviazione.