Strage di mormoni in Messico, un arresto

Coa

Roma, 6 nov. (askanews) - Un uomo è stato arrestato in Messico perché sospettato di avere preso parte al massacro di nove persone, tra cui sei bambini, di una comunità mormone in un'area vicina al confine con gli Stati uniti: lo hanno annunciato oggi le autorità locali, citate dalla Cnn.

La polizia messicana ha dichiarato di avere arrestato un individuo che teneva in ostaggio due prigionieri, legati e imbavagliati nello stato di Sonora. Il sospettato aveva diversi fucili e una grande quantità di munizioni, tra cui un certo numero di armi di grosso calibro, ha dichiarato l'Agenzia ministeriale per le indagini penali in una nota pubblicata sulla sua pagina Facebook.

Ieri un gruppo di mormoni è stato brutalmente attaccato da bande criminali mentre era a bordo di alcuni mezzi vicino al confine tra Stati Uniti e Messico. Nell'attacco sono morte nove persone, tre donne e sei bambini.