Strage funivia: il piccolo Eitan salvo grazie all'abbraccio del suo papà

·1 minuto per la lettura
Il luogo della tragedia (ITALIAN POLICE/Handout via REUTERS)
Il luogo della tragedia (ITALIAN POLICE/Handout via REUTERS)

Si è salvato perché il suo papà lo ha stretto in un ultimo abbraccio, facendogli da scudo con il suo corpo. Il piccolo Eitan, il bimbo di 5 anni unico sopravvissuto alla tragedia della funivia Stresa Mottarone, lotta ancora tra la vita e la morte. Ma dall'ospedale Regina Margherita di Torino, dov'è ricoverato, fanno sapere che, se si salverà, sarà solo perché il suo papà, abbracciandolo, potrebbe avere attutito gli urti.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Stresa, nessun danno neurologico per il bambino sopravvissuto

LEGGI ANCHE: Funivia Mottarone, sequestrati video: telecamere riprendono ultima corsa

Il piccolo Eitan era sulla funivia insieme alla sua famiglia: papà Amit Biran, la compagna Tal Peleg e il fratellino Tom, di due anni, morto anche lui sul colpo. Eitan ha numerose fratture, soprattutto agli arti inferiori, ed è tenuto in coma farmacologico. Dall'ospedale dicono: "Il papà aveva una corporatura robusta, forse l'ultimo abbraccio istintivo per proteggerlo dalla morte ha salvato il piccolo".

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Tragedia della funivia: giornata di lutto a Stresa

LEGGI ANCHE: Incidente sulla funivia a Stresa, la procura: "Il sistema di freni di sicurezza non ha funzionato"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli