Strage a san Pietroburgo: ritrovato esplosivo durante perquisizione

Sono stati ritrovati elementi della bomba nella metropolitana di San Pietroburgo durante una perquisizione in un appartamento da parte di agenti dei servizi segreti russi.

Nella palazzina nella periferia est di San Pietroburgo sono state fermate diverse persone e al momento si verificano i loro legami con Jalilov, il presunto attentatore. L’edificio è stato parzialmente eacuato.

Come se non bastasse, e sono diversi i media che raccontano come ci siano molti indizi a favore della versione che il presunto kamikaze probabilmente non intendeva farsi esplodere ma avrebbe dovuto invece piazzare le bombe in due luoghi della metro e poi fuggire. Ma i suoi complici hanno preso un’altra decisione e lo hanno usato a sua insaputa come kamikaze.

Malgrado il sospetto uomo-bomba fosse radicalizzato le prove non dimostrano finora che volesse suicidarsi. Secondo alcune fonti si trattava piuttosto di un tecnico di esplosivi che non voleva sacrificare la propria vita.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità