Strage Seul per Halloween, i morti sono almeno 153

(Adnkronos) - Continua a salire il tragico bilancio della calca avvenuta nel quartiere di Itaewon, nel centro di Seul, per un evento di Halloween: sono almeno 153 morti, tra cui 97 donne. Le autorità hanno avvertito che il numero di vittime potrebbe aumentare ulteriormente: ci sono decine di persone - soprattutto giovani - che ancora mancano all'appello. Lo riportano media sucoreani che spiegano come molti cadaveri sono stati trasferiti in una palestra per l'identificazione da parte dei parenti.

Tra le vittime ci sono 22 stranieri: provengono da Cina, Iran, Russia, Usa, Francia, Australia, Vietnam, Uzbekistan, Norvegia, Kazakistan, Sri Lanka, Thailandia e Austria. La nazionalità straniera di una delle vittime non è stata identificata.

In occasione dell'evento c'erano più 100mila persone in strada, in quella che era la prima festa di Halloween, una delle più grandi celebrazioni pubbliche della città, senza restrizioni post-pandemia."Ogni anno Itaewon è estremamente affollata, ma quest'anno era semplicemente pazzesca", ha scritto una donna sul suo account Instagram. Sui social alcune persone, prima dell'inizio della serata, avevano dichiarato che il quartiere era così affollato da non sentirsi al sicuro.

Tra le vittime, per lo più giovani al massimo 20enni, ci sono anche 19 stranieri.

I testimoni hanno raccontato che le strade strette intorno al luogo dell'impatto erano così affollate che è stato difficile per i servizi di emergenza farsi strada per aiutare le vittime. Secondo Yonhap, all'incidente hanno partecipato in totale 848 operatori di emergenza, tra cui 346 vigili del fuoco.

Il presidente Yoon Suk Yeol ha ordinato un'indagine approfondita sull'incidente. "In qualità di presidente, responsabile della vita e della sicurezza dei cittadini, il mio cuore è in pena e faccio fatica a sopportare il dolore", ha dichiarato in un discorso televisivo. Il presidente ha anche dichiarato il lutto nazionale con le bandiere a mezz'asta.

Il sindaco di Seoul Oh Se Hoon, attualmente in visita in Europa, ha cancellato tutti gli appuntamenti previsti e ha annunciato il suo immediato ritorno.

"Inostri pensieri sono con le vittime del tragico dramma accaduto a Seoul e con le loro famiglie. L'Italia è vicina al popolo coreano in questo momento di grande dolore e di profonda tristezza". Così la premier Giorgia Meloni su Twitter.

Diversi i leader mondiali che hanno espresso le loro condoglianze, tra cui il cancelliere tedesco Olaf Scholz che ha commentato l'incidente su Twitter. "I tragici eventi di Seoul sono uno shock per tutti noi", ha scritto, aggiungendo: "I nostri pensieri sono rivolti alle numerose vittime e alle loro famiglie. Questo è un giorno triste per la Corea del Sud. La Germania è al loro fianco".

Anche il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha espresso le sue "più sentite condoglianze" a coloro che hanno perso i loro cari nell'incidente. "Siamo addolorati con il popolo della Repubblica di Corea e inviamo i nostri migliori auguri di pronta guarigione a tutti coloro che sono rimasti feriti", ha dichiarato Biden in un comunicato. "L'alleanza tra i nostri due Paesi non è mai stata così vibrante e vitale - e i legami tra i nostri popoli sono più forti che mai. Gli Stati Uniti sono al fianco della Repubblica di Corea in questo tragico momento".