Strage in una moschea della provincia di Kunduz, kamikaze uccide 80 persone

AGI - Ll'esplosione in una moschea sciita nella provincia di Kunduz, in Afghanistan,  ha provocato 80 morti. Lo riferisce Ghulam Rabani Rabani, ex membro del consiglio della provincia di Kunduz, precisando che i feriti sono un centinaio.

L'attacco è avvenuto durante la preghiera del venerdì e tramite i canali Telegram è stato rivendicato dall'Isis-K, ramo afghano dello Stato Islamico. Nel post l'Isis-k spiega che un attentatore suicida "ha azionato la sua cintura esplosiva in mezzo alla folla" di fedeli sciiti, mentre pregavano all'interno della moschea.

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli