Strage via d'Amelio, Bonafede: serve guerra alla mafia

Red/Cro/Bla
·1 minuto per la lettura

Roma, 19 lug. (askanews) - " una vera e propria guerra, che non deve conoscere pause nella consapevolezza che la mafia si evoluta e ci pone di fronte a sfide sempre nuove: dalla lotta alla corruzione (strumento principale con cui le mafie si infiltrano nel tessuto economico del paese) al voto di scambio politico mafioso; dalla necessaria legge sull'art. 4 bis dell'ordinamento penitenziario - anche a difesa del regime detentivo previsto dall'art. 41 bis (fondamentale nella interruzione di ogni rapporto tra il mafioso e l'associazione criminale) - alla ricerca della verit sulle stragi e dei responsabili non ancora individuati". Cos il guardasigilli, Alfonso Bonafede, scrive su Facebook nel ventottesimo anniversario della strage di via D'Amelio. " una guerra da portare avanti tutti insieme - aggiunge Bonafede - compatti: politici, magistrati, avvocati, giornalisti, docenti e, in generale, tutti i cittadini, ogni giorno, ciascuno nel proprio ruolo, con le istituzioni in prima linea".