Stragi Usa, Lansdale: il problema sono le armi non il suprematismo -2-

Orm

Roma, 5 ago. (askanews) - Secondo lo scrittore, "la politica non se ne occupa per interessi economici, repubblicani e democratici hanno le tasche piene dei soldi dei lobbisti della armi. La gente, invece, è cieca e purtroppo il Texas è un buon esempio. Molti sono contrari a maggiori controlli».

La verità profonda dietro l'ennesima strage, secondo Lansdale, è che "chi vuole uccidere trova sempre delle scuse. Quel ragazzo non è il primo a compiere una strage e non sarà l'ultimo. Ci sono stati altri manifesti: alcuni con solo le istruzioni su come ammazzare.

Questa gente pensa di essere parte di un club esclusivo, ha dentro una rabbia tutta sua ma non vuole sentirsi sola altrimenti ammetterebbe di essere pazza. Poi, non c'è dubbo, la retorica di Trump contro gli immigrati, ha legittimato l'odio razzista. Così El Paso, città di confine, diventa l'epicentro dell'odio. Un simbolo da colpire».(Segue)