In streaming su Netflix The Cabin in the Wood

·3 minuto per la lettura
Quella casa nel bosco: recensione dell’horror su Netflix
Quella casa nel bosco: recensione dell’horror su Netflix

In streaming su Netflix il film horror-comedy Quella casa nel bosco (2012) diretto a Drew Goddard e con protagonista Chris Hemsworth, l’interprete di Thor nella saga cinematografica della Marvel.

Trama

Cinque studenti universitari (Dana, Cart, Jules, Marty e Holden) partono per un week-end di puro divertimento in una casa sperduta nel bosco lontana da qualsiasi forma di civiltà.

Nel frattempo due misteriosi tecnici di laboratorio, in combutta con il proprietario di una pompa di benzina vicina alla casa dove alloggiano i ragazzi, sembrano preparare un operazione segreta che potrebbe riguardare proprio quei cinque ragazzi che una volta entrati nella casa cominceranno a comportarsi in modo strano.

Il tutto diventerà ancora più strano quando misteriose creature mitologiche e mostruose tenteranno di penetrare nell’abitazione per fare a brandelli i malcapitati. Cosa sta accadendo nella casa? I ragazzi riusciranno a sopravvivere e scoprire cosa sta accadendo?

Cast del film

I fan dell’universo Marvel avranno sicuramente notato la presenza di Chris Hemsworth nei panni di Curt, che da poco usciva dal successo del primo capitolo di Thor (Kenneth Branagh, 2011) e al film corale The Avangers (2012), diretto da Joss Wheadon che qui figura nei panni di produttore della pellicola.

Al suo fianco nel ruolo Dana una giovane Kristen Connoly che in seguito a questa performance convincente interpreterà anche una parte nel film horror The Bay (2013) del regista premio Oscar Barry Levinson; in seguito parteciperà anche alla serie originale Netflix House of Cards – Gli intrighi del potere (2013-2018) recitando accanto a Kevin Specy.

Nel film troviamo anche un’esordiente Anna Hutchinson che passa dal piccolo schermo a quello cinematografico dopo le sue innumerevoli esperienze all’interno di serie tv come Power Rangers Jungle Fury (ABC Kids, 2008) e Spartacus (Starz, 2010-2013), dove interpreta il ruolo di Laeta.

Recensione

Quella casa nel bosco potrebbe sembrare per i primi minuti il classico film horror il solito gruppo di giovani teenager sconsiderati vanno a festeggiare con droghe, alcool e sesso nella consueta casa abbandonata di turno, ma vi accorgerete dopo poco che tutto non è come sembra.

Drew Goddard gioca con il genere cinematografico inserendo i suoi personaggi in una sceneggiatura metacinematografica che mostra allo spettatore come in realtà nascano i film dell’orrore e i suoi stereotipi.

Inizialmente infatti il gruppo di ragazzi si comporta in modo coscienzioso, proprio come farebbe lo spettatore, per poi, attraverso un espediente narrativo originale, renderli tutti classici stereotipi del genere horror, per intendersi quelli contro cui il pubblico urla al cinema rendendosi conto che di lì a poco la loro scelta gli porterà incontro ad una morte cruenta.

Uno delle pellicole horror che ha fatto urlare pubblico e critica al miracolo per la sua originalità e la capacità di un regista esordiente di rinnovare il genere, e io non posso che essere d’accordo con l’entusiasmo di entrambi consigliando la visione a tutti gli abbonati al servizio streaming Netflix.